Capcom vince una causa contro Koei Tecmo e un risarcimento di 1.5 milioni di dollari

Capcom vince una causa contro Koei Tecmo e un risarcimento di 1.5 milioni di dollari
di

Capcom e Koei Tecmo erano da tempo in causa dopo che il colosso giapponese dei videogame aveva accusato quest'ultima di plagio, ed ora il procedimento legale si è concluso con un risarcimento di un milione e mezzo di dollari che sarà accreditato alla stessa Capcom.

Lo studio che ha prodotto capolavori come la serie di Resident Evil giusto per nominarne uno, aveva citato in giudizio Koei Tecmo per l'infrazione in particolare di due brevetti, riguardanti il modo di importare e sbloccare contenuti da un vecchio titolo in un nuovo gioco, ed un particolare modo di far vibrare il controller per avvertire i giocatori dell'avvicinarsi dei nemici.

Si tratta di una causa che era iniziata nel 2014, ma il giudice all'epoca aveva riconosciuto a Capcom il pagamento soltanto per quanto riguarda la violazione del secondo brevetto, mentre un successivo ricorso ha poi dato ulteriormente ragione all'azienda giapponese.

In un comunicato, il publisher ha dichiarato: "Capcom è da sempre dedita a migliorare l'esperienza dei propri clienti e ad espandere l'industria del gaming, promuovendo l'uso effettivo dei suoi brevetti attraverso metodi come le licenze, salvaguardando al contempo le invenzioni associate ad ognuno dei suoi titoli". Soddisfazione dunque espressa giustamente da parte dell'azienda. Che ne pensate della vicenda?

Quanto è interessante?
6