CD Projekt dice no alle microtransazioni nei single player, ma non nei multiplayer

CD Projekt dice no alle microtransazioni nei single player, ma non nei multiplayer
di

A margine dell'ultimo incontro con gli azionisti, durante il quale ha parlato dei risultati conseguiti e dei progetti per il futuro, CD Projekt RED ha anche avuto modo di sedersi a chiacchierare con la testata polacca StockWatch.pl per approfondire ulteriormente la propria visione di mercato.

Parlando con i suoi connazionali, il Chief Financial Officer di CD Projekt RED Piotr Nielubowicz ha confessato di non "vedere alcun ruolo per le microtransazioni per i giochi single-player". L'argomento microtransazioni, da anni al centro delle discussioni tra videogiocatori, è diventato nuovamente predominante in queste settimane quando Capcom ha scelto di inserirle in Dragon's Dogma 2, che è un gioco single player. Considerate invasive dai più, hanno anche indotto alcuni modder ad adoperarsi per rimuoverle.

Evidentemente spinta dall'ultima controversa mossa di Capcom, CD Projekt RED ha voluto specificare di non avere intenzione di inserirle nei propri videogiochi pensati per il single player. D'altro canto, lo stesso Nielubowicz non esclude che CD Projekt Red possa "adottare questa soluzione in futuro nel caso di videogiochi multiplayer".

A proposito dei piani futuri di CD Projekt RED, la compagnia ha affermato che c'è un esercito di sviluppatori al lavoro su The Witcher 4.

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi