Si chiude la class action contro Riot Games, la casa di League of Legends patteggia

Si chiude la class action contro Riot Games, la casa di League of Legends patteggia
di

Lo scorso anno una nutrita schiera di dipendenti donne di Riot Games ha fatto causa alla compagnia di League of Legends accusando quest'ultima di comportamenti discriminatori verso le figure femminili all'interno dell'azienda.

Inizialmente il tutto era partito con una protesta social con tanto di scioperi ma poi la situazione si è evoluta e le dipendenti donne di Riot Games hanno avviato una class action per comportamenti sessisti e discriminazioni sessuali sul luogo di lavoro. E' di queste ore la notizia che l'azienda avrebbe optato per un patteggiamento che la obbligherà a risarcire le 1.000 partecipanti alla class action con dieci milioni di dollari (totali, e non per singolo dipendente), cifra che deve però essere ancora valutata dal giudice che si sta occupando del caso.

Un portavoce di Riot Games ha così commentato: "siamo contenti di aver proposto un accordo che possa mettere fine alla class action. Si tratta di un passo importante e dimostra il nostro continuo impegno nel voler mantenere Riot Games un'ambiente incluso per i migliori talenti di questo settore, indipendentemente dal proprio genere o orientamento sessuale."

La cifra, come detto, non è stata ancora accettata dal giudice e dunque la situazione potrebbe evolversi ulteriormente nelle prossime settimane.

FONTE: GS
Quanto è interessante?
4