di

Gli esseri umani si distinguono dagli animali per tanti aspetti, ma tra i più lampanti figurano senz'altro le mani. Non siamo certamente l'unica specie dotata di pollice opponibile, ma milioni di anni di evoluzione hanno trasformato questa parte del nostro corpo in uno strumento unico e adatto ad un numero incredibile di mansioni.

Dal tastare il mondo circostante al raccolta degli oggetti, fino ad arrivare a lavori che richiedono un altissimo grado di precisione, come ad esempio la neurochirurgia. Muniti di controller, noi le utilizziamo anche per videogiocare, ma le nostre mani non si sono certamente evolute a tal fine, visto che il gaming è arrivato molto tardi nella storia dell'umanità. Il portale SlotWise si è tuttavia posto una domanda molto semplice, per poi girarla ad una serie di esperti del settore: come diventerebbero le nostre mani se si evolvessero in maniera specifica per videogiocare?

La risposta è tanto interessante quanto inquietante. Una mano del genere avrebbe un pollice, un indice e un medio estremamente allungati, per arrivare facilmente sugli analogici e sui trigger. Al contrario, l'anulare e il mignolo sarebbero molto meno sviluppati, dal momento che il loro unico ruolo sarebbe quello di sostenere il controller. Simon Cornelius, Managing Director dell'agenzia di marketing specializzata in controller Cornelius Creative, ha riferito a Slotswise: "Un aumento del numero dei bottoni sui controller spingerebbe i nostri pollici, indici e medi a compiere un lavoro maggiore e a distendersi. Perciò credo che le mani si evolverebbero con un allungamento di queste dita e un miglioramento dei tempi di reazione. L'anulare e l'indice regredirebbero diventando simili ad artigli, per avvolgere e sostenere il controller".

Gli autori dello studio hanno anche realizzato un video e dei render per aiutarci a comprendere al meglio la loro visione (li trovate tutti allegati a questa notizia). Inquietante, vero?

Quanto è interessante?
8
Come diventerebbero le nostre mani se si evolvessero per il gaming? Lo rivela uno studio
VideogiochiVideogiochiVideogiochiVideogiochi