E3 2019

Come mai tante riedizioni di Zelda? Ne parla Eiji Aonuma

Come mai tante riedizioni di Zelda? Ne parla Eiji Aonuma
di

Soprattutto dopo il Nintendo Direct E3, la serie di The Legend of Zelda è tornata prepotentemente sotto i riflettori. Oltre ad essere stato annunciato il sequel di Breath of the Wild infatti, proprio oggi esce lo spin-off Cadence of Hyrule, ed è in arrivo il remake di Link's Awakening.

E quest'ultimo non è certo l'unico remake effettuato riguardante la saga di Zelda, che ha già visto le riedizioni di Twilight Princess, Majora's Mask, The Wind Waker e Ocarina of Time, ad esempio. Si tratta infatti di una serie che si presta molto alle rivisitazioni, ma come mai? Ne ha parlato Eiji Aonuma in una recente intervista:

"Credo che il motivo per cui Zelda riceva spesso remake o remaster o porting, sia perché non c'è un unico stile di gioco o artistico. Ogni volta c'è un gameplay diverso o una direzione artistica differente, e c'è così tanta varietà. Quindi quando facciamo remake, hanno originariamente tutti questi elementi diversi, e al contempo possiamo incorporarne di nuovi, o introdurre nuovo gameplay e portare nuovo entusiasmo in questi giochi. Quando creo un remake o re-immagino un gioco di Zelda, incorporo sempre qualcosa di nuovo o di fresco".

Ad Aonuma è poi stato chiesto se sono in progetto altri remake di Zelda: "Al momento non ci sono piani, ma se ci fosse un titolo per il quale possiamo incorporare nuovi elementi e nuove cartteristiche che forse è una scelta perfetta per un remake, allora probabilmente lo prenderemmo in considerazione".

Infine, come spesso accade, ad Aonuma è stata posta l'annosa questione su un eventuale remake di Skyward Sword, senza i motion control: "Intendi quindi controllarlo del tutto solo con i pulsanti? È un po' difficile! Anzi, sarebbe quasi impossibile".

Per il momento dunque tocca mettersi l'anima in pace.

Quanto è interessante?
11