di

Di ritorno dalla chiacchierata con Mark Cerny per l'analisi sulle specifiche di PlayStation 5, il collettivo di Digital Foundry si reimmerge nelle atmosfere di Control per sviscerare i segreti del DLSS 2.0, la nuova tecnica di Super Sampling basata sul Deep Learning tramite IA su schede NVIDIA RTX.

Partendo dal raffronto con la precedente versione della tecnica di Super Sampling adattivo della casa verde, i ragazzi di DF si soffermano sulle numerose migliorie ottenute nel passaggio dal DLSS 1.9 al DLSS 2.0, specie nella ricostruzione "intelligente" dell'immagine a schermo alle risoluzioni più basse.

Come base di partenza la loro analisi, il team di Digital Foundry si serve di una GPU RTX 2080Ti e di una RTX 2060 per spingere Control in Ray Tracing alla risoluzione 1080p e 60fps, per poi testare gli effetti del DLSS 2.0 forzando un upscaling 4K da 1440p e, soprattutto, da 540p, una situazione limite che punta proprio a evidenziare gli effetti di correzione in Deep Learning dell'immagine applicati dal nuovo DLSS. In questo modo, si sono potute sondare le reali capacità del sistema di elaborazione in Super Sampling adottato da NVIDIA per sfruttare i Tensor Core delle schede video della famiglia RTX nella speranza, così facendo, di migliorare la resa grafica senza inficiare sulle prestazioni.

I test condotti da DF su Control testimoniano la grande scalabilità del sistema in Deep Learning adottato da NVIDIA, specie in previsione delle future applicazioni in ambito ludico che questo genere di tecniche potranno avere nei videogiochi destinati ad approdare nei prossimi mesi su PC e console nextgen (anche se queste ultime, come da confronto sulle specifiche di PS5 e Xbox Series X, gireranno su architettura AMD).

Quanto è interessante?
9