Coronavirus, due ragazzi vanno da un amico per giocare con PS4: denunciati a Piacenza

Coronavirus, due ragazzi vanno da un amico per giocare con PS4: denunciati a Piacenza
di

In questi giorni, come ci viene continuamente ripetuto, per limitare il contagio da Coronavirus è possibile muoversi solamente per motivi lavorativi, di salute e in casi di assoluta necessità. Una disposizione che, purtroppo, alcuni non hanno ancora ben compreso.

Nella giornata di ieri due ragazzi residenti a Lodi ma domiciliati a Piacenza - un ucraino di 20 anni e un marocchino di 21 anni - sono usciti con l'intenzione di recarsi a casa di un amico per giocare con la PlayStation 4. I due sono stati fermati dalla polizia mentre entravano in un androne di via Viscovado, nel pieno centro di Piacenza. Agli agenti hanno risposto che non sapevano che il decreto ministeriale vietasse di andare a casa degli amici per videogiocare in compagnia. Entrambi, come riporta la testata locale IlPiacenza.it, sono stati denunciati.

Non è la prima volta che si verifica un caso simile da quando è cominciata la quarantena. Lo scorso 10 marzo un uomo è stato denunciato perché ha lasciato la propria città per andare a comprare una PlayStation 4, mentre qualche giorno più tardi è successa le medesima cosa ad un trentunenne uscito per andare a caccia di creature in Pokémon GO. Per quanto la nostra passione possa essere importante, in un periodo d'emergenza come questo non giustifica spostamenti non necessari. Non è affatto un caso se realtà come GameStop hanno deciso di chiudere tutti i negozi a livello nazionale.

Quanto è interessante?
11