di

Lo YouTuber Wulff Den ha tenuto accesso Nintendo Switch OLED per 1.800 ore, questo accadeva a gennaio, ma i test sono andati avanti e la console è rimasta accesa per un totale di 3.600 ore: cosa succede allo schermo dopo tutto questo tempo?

Dopo il primo test, non c'erano particolari segni di burn-in sullo schermo mentre le cose cambiano dopo 3.600 ore e lo YouTuber afferma che su una sezione dello schermo è ben visibile una patina di colore azzurro. C'è da dire che il test è stato effettuato in maniera piuttosto "artigianale" ovvero non giocando per ma lasciando impressa sullo schermo un'immagine predefinita, uno screenshot di The Legend of Zelda The Breath of the Wild riprodotto per settimane senza pausa.

E' estremamente difficile (per non dire assolutamente impossibile) che un giocatore comune possa mantenere lo schermo della console fisso sulla stessa immagine per oltre 3.000 ore e dunque i rischi di burn-in sembrano decisamente limitati anche dopo moltissime ore di gioco, a conferma di come il pannello montato da Nintendo sia di buona qualità e destinato a durare a lungo nel tempo.

Noi riportiamo la notizia per dovere di cronaca ma vi sconsigliamo caldamente di effettuare un simile test con la vostra console.

Quanto è interessante?
4