Niente crack per Borderlands 3: un mese dopo il lancio, il DRM Denuvo continua a resistere

Niente crack per Borderlands 3: un mese dopo il lancio, il DRM Denuvo continua a resistere
di

La nuova versione di Denuvo, il sistema anti-tamper adottato dall'azienda omonima per proteggere le vendite di lancio di Borderlands 3, ha avuto successo. Un mese dopo l'uscita dell'ambizioso sparatutto a mondo aperto di Gearbox, infatti, il DRM utilizzato per la versione PC di Borderlands 3 non è stato ancora violato.

A dispetto delle critiche mosse di frequente ai programmatori di Denuvo per l'impatto che il DRM sembra avere sulle prestazioni dei giochi PC che ne fanno uso, il sistema anti-tamper di Borderlands 3 ha contribuito a fermare la pirateria nel delicato periodo di commercializzazione del looter shooter di Gearbox Software. A determinare questo risultato, secondo alcuni, è stata anche la scelta della società capitanata da Randy Pitchford di lanciare Borderlands 3 in esclusiva su Epic Games Store, "obbligando" così i fan ad acquistare la sola versione PC protetta dal DRM Denuvo.

Stando a quanto dichiarato dal produttore di Gearbox Anthony Nicholson, l'esclusiva Epic Store di Borderlands 3 avrebbe inoltre permesso alla compagnia di raggiungere molti più utenti, e questo senza considerare l'indubbio vantaggio rappresentato dal mancato approdo della crack sui canali illegali della pirateria.

Come riportano i colleghi di DSOGaming, le ultime versioni del DRM Denuvo sembrano offrire un livello di inviolabilità ben superiore rispetto a quello delle passate edizioni: tra i videogiochi PC che continuano ad essere protetti con efficacia dal celebre e chiacchierato sistema anti-tamper, citiamo Anno 1800 (per ben sei mesi) e Mortal Kombat 11, ma anche eFootball PES 2020 e FIFA 20.

FONTE: DSOGaming
Quanto è interessante?
11