Il creatore di Assassin's Creed si scusa per aver inventato le torri da scalare

Il creatore di Assassin's Creed si scusa per aver inventato le torri da scalare
di

Assassin's Creed è indubbiamente uno dei giochi più importanti degli ultimi tre lustri. La sua riuscita commistione tra esplorazione, parkour e rielaborazione storica ha stregato milioni di fan, che grazie al loro costante supporto hanno permesso alla serie di fiorire e trascendere i confini del mondo videoludico.

Gran parte del merito va attribuito a Patrice Désilet, director dei primi due capitoli della saga, che con le sue idee ha contribuito a plasmare i tratti distintivi della serie. Uno di questi, è senza subbio rappresentato dalla meccanica della scalata delle torri, mediante la quale i giocatori potevano "sincronizzare" nuove zone delle città, facendole apparire sulla mappa di gioco assieme ai principali punti d'interesse. Un sistema che ha fatto scuola, dal momento che è stato adottato anche nei capitoli successivi della serie e da una miriade di open-world differenti, al punto che i giocatori quasi non ne possono più.

Durante l'EGLX di Toronto, hanno chiesto a Désilet se è felice di essere ancora identificato come "il tizio di Assassin's Creed", nonostante quest'anno abbia pubblicato Ancestors: The Humankind Odyssey. Questa la sua risposta: "Sì, un po'! Se trascorri tanti anni su qualcosa, ad un certo punto speri che ciò accada". Detto ciò, ne ha approfittato per scusarsi scherzosamente per aver inventato la meccanica delle torri: "Breath of the Wild, wow! Quello è un gioco in cui puoi fare tutto una volta che hai superato la prima mezz'ora, più o meno. Adesso, dovete solo scalare torri e togliere la nebbia dal resto della mappa. Scusate... è colpa mia...", ha affermato, facendo scoppiare i presenti in una grande risata.

Désilets ha poi affermato di essere molto orgoglioso della sua creazione e che, nonostante l'abbia abbandonata nel bel mezzo dello sviluppo di Brotherhood, è solo merito della nomea che s'è fatto con Assassin's Creed se è riuscito a fondare il suo studio, Panache Digital Games. Infine, ha confessato che non gioca un titolo degli Assassini da ben 10 anni. Il motivo? "Semplicemente, non posso". Prima di lasciarvi, vi ricordiamo che tra le nostre pagine trovate un intero speciale sull'importanza delle torri di Patrice Désilets.

Quanto è interessante?
12