Crysis Remastered: come gira su una potente NVIDIA RTX 3080?

Crysis Remastered: come se la cava su RTX 3080?
Speciale: PC
di

Crysis è passato alla storia non solo per le sue doti ludiche, ma anche per un motore grafico spaccamascella che nel lontano 2007 (e oltre) ha messo in ginocchio la quasi totalità delle configurazioni in circolazione. A 13 anni di distanza è tornato in versione Remastered, e possiamo affermare che ha tenuto fede al suo storico passato...

Con hardware potentissimi che ci troviamo per le mani nell'Anno Domini 2020, credevamo che non ci fosse più bisogno di scendere a compromessi con un gioco come Crysis Remastered... e invece siamo stati smentiti. Nonostante la nostra configurazione celasse una nuova e fiammante NVIDIA RTX 3080, abbiamo riscontrato delle serie difficoltà a raggiungere un frame rate elevato.

Come mai? Con tutta probabilità, i problemi non dipendono dalla GPU, bensì da uno sviluppo che non ha tenuto conto dei profondi cambiamenti avvenuti all'architettura delle CPU negli ultimi anni. Per il test abbiamo accoppiato all'ammiraglia di casa NVIDIA un processore Ryzen 9 3900X, 16 GB di RAM a 3600 MHz e monitor ROG PG27UQ 4K a 144 Hz. Visti i risultati anomali, abbiamo provato il gioco anche su un PC gaming dotato di un processore Intel i9-10900K, 16 GB di RAM a 3200 MHz e una RTX 2080 Ti.

I 60 fps? Si sono rivelati un miraggio! Potete approfondire la questione guardando il Video Speciale che abbiamo allegato in cima a questa notizia, oppure leggendo l'analisi tecnica di Crysis Remastered con una RTX 3080 curata da Alessio Ferraiuolo.

Quanto è interessante?
2