Cyberpunk 2077 è ambientato in una realtà parallela al gioco da tavolo (smentita)

Cyberpunk 2077 è ambientato in una realtà parallela al gioco da tavolo (smentita)
di

In un recente Video Documentario dedicato a Cyberpunk 2077 apparso sul canale YouTube ufficiale di PlayStation, la voce di Geralt di Rivia, Doug Cockle, ci ha raccontato alcuni retroscena sullo sviluppo del nuovo, atteso videogioco di ruolo di CD Projekt RED.

Abbiamo così scoperto che le vicende di Cyberpunk 2077, oltre ad essere ambientate 57 anni dopo il gioco da tavolo originale di Mike Pondsmith - Cyberpunk 2020 - si svolgeranno in una timeline parallela a quest'ultimo. Cockle ha spiegato che tale decisione è stata presa al fine di concedere agli sviluppatori "la libertà di creare un gioco rispettoso dell'opera originale, e allo stesso tempo adatto per il medium videoludico".

Aggiornamento 17:00: i rappresentanti di R. Talsorian Games (casa editrice del gioco da tavolo) e CD Projekt RED hanno smentito le informazioni fornite nel Video Documentario ufficiale, specificando che Cyberpunk 2020 e Cyberpunk 2077 sono ambientati nel medesimo universo, in anni differenti.

Nello stesso video documentario, il level designer Miles Tost ha dichiarato che "il livello di libertà di un gioco di ruolo carta e penna è qualcosa che non è ancora stato raggiunto". Il materiale originale va trattato in maniera accorta e intelligente poiché, data la sua complessità, non può essere preso e trasformato facilmente in un videogioco. Una delle componenti chiaramente ispirate all'opera originale è senza dubbio l'editor dei personaggi, una vera e propria novità per CD Project RED che per i suoi precedenti titoli aveva scelto un unico personaggio fatto e finito, Geralt di Rivia.

Cyberpunk 2077, ricordiamo, è in sviluppo per le piattaforme dell'attuale generazione ma è ancora privo di una data d'uscita. Ci auguriamo di saperne di più all'E3 2019: gli sviluppatori polacchi hanno confermato che il titolo sarà presente alla fiera losangelina, dove probabilmente tornerà a mostrarsi in formato giocabile.

Quanto è interessante?
18