Cyberpunk 2077: il quest designer Pawel Sasko parla di missioni, attività e romance

di

Dopo aver provato Cyberpunk 2077 per quattro ore e parlato delle meraviglie della megalopoli di Night City, abbiamo scambiato quattro chiacchiere con il quest designer di CD Projekt Red Pawel Sasko, che ci ha raccontato tanti dettagli interessanti sulle romance e le missioni del gioco.

Sasko ha anche lavorato alle missioni, sia primarie che secondarie, di The Witcher 2: Assassins of Kings e The Witcher 3: Wild Hunt, compresa la nota quest del Barone Sanguinario, quindi è uno che sa il fatto suo. Con Cyberpunk 2077 ha provato a creare un flusso narrativo estremamente naturale, realistico e senza interruzioni, un obiettivo raggiunto ancor più facilmente grazie all'adozione della visuale in prima persona. Complessivamente, Sasko ritiene che il lavoro svolto per Cyberpunk 2077 sia superiore a quello che ha interessato The Witcher 3. Adesso le quest secondarie sono integrate ancor più profondamente con la campagna principale, al punto da poterla influenzare pesantemente.

Grande cura è stata riposta anche nel sistema delle romance, anche questo più sviluppato rispetto al passato, per il semplice motivo che non c'è più un singolo e immutabile personaggio - Geralt - bensì un avatar liberamente personalizzabile con l'editor. Potete approfondire l'argomento leggendo la nostra intervista a Pawel Sasko di CD Projekt RED e guardando il video in apertura di notizia. Buona visione!
Quanto è interessante?
11