di

Cyberpunk 2077 è stato certamente tra i protagonisti dell'E3 2019 ed in seguito al reveal della data di lancio, molte nuove informazioni sul gioco sono emerse.

Tra queste, la conferma che nel nuovo progetto di CD Projekt Red sarà totalmente assente un sistema morale. A confermarlo è Mateusz Tomaszkiewicz, quest director del gioco, nel corso di un'intervista concessa al portale Gaming Bolt. In tale occasione, lo sviluppatore ha infatti approfondito la possibilità di completare Cyberpunk 2077 senza uccidere, affermando: "Non abbiamo un sistema morale in senso stretto. [...]". Tuttavia, prosegue, per completare il gioco tramite questo approccio, i giocatori dovranno padroneggiare al meglio le possibilità offerte dallo stealth: "Investire in punti che vi consentono di essere più furtivi, utilizzare armi che vi consentiranno di inibire il nemico anziché eliminarli, realizzare scelte morali che vi consentiranno di evitare di uccidere persone nel corso del gioco".

Dal produttore di giochi da tavola R. Talsorian Games è invece giunta un'interessante notizia, che potrebbe fare piacere a coloro che percepiscono il prossimo 16 aprile 2020 come ancora molto lontano! È stata infatti presentata una nuova edizione dell'originale gioco da tavola Cyberpunk 2020. Quest'ultima avrà il titolo di "Cyberpunk Red" e sarà commercializzato per la prima volta in forma di "Jumpstart Kit" nel corso del mese di Agosto, negli USA. Il progetto rivelato da GeekNative si presenta come "correlato in maniera molo stretta" con il futuro Cyberunk 2077. La data precisa della narrazione non è stata ad ora svelata, ma le vicende si collocheranno tra "la fine della quarta Coporate War nel 2022 e fino al 2077".

Per ulteriori informazioni sul mondo creato da CD Projekt Red, sulle pagine di Everyeye potete trovare la nostra video intervista all'art director di Cyberpunk 2077.

FONTE: Polygon
Quanto è interessante?
20