CYBERPUNK

Cyberpunk 2077: lo sviluppo è cominciato nel 2016, la demo del 2018 era falsa?

Cyberpunk 2077: lo sviluppo è cominciato nel 2016, la demo del 2018 era falsa?
di

L'ultimo report di Jason Schreier ha fatto emergere degli sconcertanti retroscena sullo sviluppo di Cyberpunk 2077. Il giornalista di Bloomberg ha passato le ultime settimane a raccogliere le testimonianze di alcuni dipendenti anonimi della compagnia polacca.

Le storie raccontate da oltre 20 dipendenti hanno tratteggiato il profilo di una CD Projekt RED incredibilmente sicura delle proprie potenzialità, un'iniezione di fiducia fornita dal successo di The Witcher 3: "Abbiamo fatto The Witcher 3 - funzionerà anche questo", si ripetevano i vertici della compagnia, prima di scontrarsi con "ambizioni senza controllo, problemi tecnici e scadenze irrealistiche".

Il gioco, ricordiamo, è stato annunciato nel 2012, mentre il primo trailer è stato condiviso del 2013. Lo sviluppo, in ogni caso, non sarebbe cominciato prima del 2016, l'anno in cui è stata pubblicata la seconda e ultima espansione di The Witcher 3, Blood & Wine. Allo stato embrionale Cyberpunk 2077 era ancora un gioco in terza persona, e prevedeva funzionalità come le auto volanti e il wall running che sono poi state cancellate nel corso dello sviluppo vero e proprio. I tanto criticati sistemi che governano il comportamento della polizia, dal canto loro, sarebbero stati messi a punto "all'ultimo minuto". Alcuni sviluppatori non riuscivano a spiegarsi tutta questa ostinazione da parte di CD Projekt RED, fermamente intenzionata a "creare un ibrido tra un GDR e un GTA con una frazione dello staff su cui può contare Rockstar Games".

Il gioco è chiaramente uscito in uno stato incompleto, specialmente su console. Nel 2019, nel pieno dello sviluppo, gli sviluppatori credevano di averne almeno fino al 2022, pertanto sono rimasti scioccati quando hanno appreso del 2020 come anno di lancio di Cyberpunk 2077. E arriviamo, infine, a uno dei punti potenzialmente più gravi dell'intero report. Secondo quanto riferito, la demo che abbiamo visto all'E3 2018 sarebbe quasi del tutto falsa: all'epoca, a due anni dall'inizio dello sviluppo, CD Projekt RED non aveva ancora finalizzato e scritto il codice della maggior parte dei sistemi di gameplay mostrati nei 48 minuti di gameplay. La lavorazione della finta demo avrebbe richiesto vari mesi, un lasso di tempo "sprecato" che i dipendenti avrebbero preferito impiegare sulla lavorazione del gioco vero e proprio.

Pochi giorni fa, intanto, sono arrivare le scuse di CD Projekt RED, con la promessa di due grandi patch per Cyberpunk 2077 in arrivo nell'immediato futuro. Per l'aggiornamento grafico per PS5 e Xbox Series X dovremo invece attendere la fine del 2021.

Quanto è interessante?
17