di

Le dinamiche di gioco legate al famigerato Mal di Drago di Sekiro Shadows Die Twice avrebbe potuto assumere forme diverse, secondo quanto suggerito dalle scoperte effettuate dai dataminer dell'ultimo, sorprendente action di Activision e From Software.

Sulla scorta delle informazioni raccolte dal programmatore dilettante Lance McDonald estrapolandole dalle righe di codice più nascoste di Sekiro, nelle fasi iniziali di sviluppo i ragazzi di From Software avrebbero voluto far interagire il Lupo con i personaggi secondari che hanno contratto il Mal di Drago attraverso un potente oggetto reperibile esplorando l'ambientazione, i Dragonrot Pellets.

L'utilizzo di questa medicina avrebbe sbloccato delle linee di dialogo completamente inedite e arricchito il lore del titolo: tra i file scovati dal dataminer troviamo infatti diverse scene di intermezzo e righe di testo che, se riattivate, consentono di ascoltare dei dialoghi nuovi di zecca con protagonisti il Lupo e gli NPC incontrati lungo il cammino.

Riunendo tutte queste linee di dialogo è possibile recuperare ben 11 minuti di scene tagliate, con conversazioni mai udite nella versione finale di Sekiro Shadows Die Twice: trovate il video in questione in cima all'articolo. Sapevate inoltre che nelle fasi iniziali dello sviluppo del capolavoro di From Software la disposizione dei boss era completamente diversa?

Quanto è interessante?
7