di

Scampato all'apocalisse zombie di Days Gone e tornato alla civiltà con un bagaglio di conoscenze sui non-morti da fare invidia ai protagonisti della serie TV di The Walking Dead, Francesco Fossetti ha risposto alle domande postegli sul canale YouTube di Everyeye On Demand e mostrato delle scene di gameplay inedite.

In questa ricca sessione Q&A impreziosita da una sessione di gioco, il Fossa ha contribuito a chiarire i dubbi della community sul tenore qualitativo dell'opera e sulle reali ambizioni nutrite dagli sviluppatori statunitensi.

Nel corso dell'ultima, intensiva prova su strada avuta interpretando il motociclista Deacon St. John, infatti, sono emersi tutti i pregi del canovaccio narrativo steso dalla sussidiaria americana di Sony per scrivere la storia di Days Gone.

Se la trama sembra dipingere un quadro piuttosto coerente e coinvolgente, però, il sistema di gioco non riesce a mantenersi sullo stesso tenore qualitativo: al netto di una componente open-world ben costruita, le meccaniche sparatutto e tutte le animazioni deputate alla gestione dei controlli subiscono degli inciampi piuttosto evidenti. Nulla che non possa essere "aggiustato" prima della commercializzazione del titolo, comunque.

Per il responso finale su Days Gone, in ogni caso, bisognerà attendere la nostra recensione che troverete su queste pagine in prossimità del lancio dell'ultimo kolossal post-apocalittico di Sony Bend, previsto per il 26 aprile in esclusiva su PlayStation 4. Nel frattempo, vi lasciamo al video Q&A che campeggia in cima all'articolo e all'approfondimento su Days Gone a cura sempre di Francesco Fossetti.

Quanto è interessante?
5