di

Days Gone è uno dei giochi ad aver maggiormente beneficiato del lancio di PlayStation 5. A differenza di molti altri titoli che si limitano a girare in retrocompatibilità senza alcun accorgimento aggiuntivo, l'open world di Bend Studio ha ricevuto una patch che ha abilitato il supporto ai 60fps e alla risoluzione 4K dinamica.

Dopo aver analizzato Ghost of Tsushima, l'altro first party Sony ad aver ricevuto una patch per PS5, Digital Foundry ha spostato la sua attenzione su Days Gone, scoprendo un titolo estremamente piacevole da giocare grazie alla maggiore fluidità, una spanna sopra all'edizione per la console della passata generazione come si evince dalla comparativa. Dopo aver appurato la facilità disarmante con la quale l'open world di Bend Studio gira a 60fps durante il normale gameplay, la redazione inglese ha ben pensato di metterlo alla prova nel peggior scenario possibile, ovvero con un'orda inferocita composta da centinaia di infetti a schermo.

Ebbene, come potete vedere voi stessi nella video analisi allegata in cima questa notizia, Days Gone in questi casi tentenna un po', facendo registrare cali nell'ordine di pochi fps, in particolar modo quando vengono lanciate delle bombe incendiare sull'orda, e qualche incertezza nel frame pacing. Stiamo parlando tuttavia di casi limite, che si verificano in poche circostanze e che non inficiano un gameplay che beneficia enormemente della potenza aggiuntiva offerta da PS5. NE approfittiamo per ricordarvi che se siete abbonati a PlayStation Plus potete giocare gratis a Days Gone su PS5, dal momento che fa parte della PlayStation Plus Collection.

Quanto è interessante?
2