DAYSGONE

Days Gone: Saber si propose per lo sviluppo di una modalità multiplayer, ma Sony rifiutò

Days Gone: Saber si propose per lo sviluppo di una modalità multiplayer, ma Sony rifiutò
di

Parlando di World War Z ai microfoni di Gamesbeat, Matthew Karch, CEO di Saber Interactive, ha rivelato un interessante retroscena che coinvolge Days Gone, attesa esclusiva Sony a tema zombie.

A quanto pare, durante lo sviluppo di World War Z, Matthew Karch propose a Sony di lavorare su una eventuale componente multiplayer di Days Gone, tuttavia la compagnia giapponese declinò l'offerta:

"Days Gone è un'esperienza single-player. A un certo punto, sono andato da Sony e ho detto 'Ho visto ciò che state facendo con Days Gone. Guardate il nostro lavoro con World War Z. Forse potremmo aiutarvi con una componente multiplayer'. Ma, comprensibilmente, loro erano troppo concentrati sulle cose da fare per portare a termine lo sviluppo del gioco. Ovviamente siamo rimasti un po' delusi, sapendo che Sony avrebbe investito molto in un tripla A che mette in primo piano le orde di zombie. La cosa ci ha un po' demoralizzato, anche se dopo abbiamo visto che si sono concentrati più sulla componente narrativa che sulle orde. [...] Secondo me nel mercato c'è spazio per entrambi. Spero che venda bene, mi sembra molto divertente. Non bisogna dimenticare, però, che Days Gone è un'esclusiva Playstation, mentre World War Z uscirà anche su Xbox One e PC, ed è un titolo incentrato sul multiplayer. Direi che sono due titoli complementari. Non ho provato il loro gioco, quindi non posso dirvi com'è, ci giocherò appena ne avrò l'occasione".

FONTE: Gamesbeat
Quanto è interessante?
11