Dead Space: cosa cambia tra il gioco originale e il remake?

Dead Space: cosa cambia tra il gioco originale e il remake?
di

Con Dead Space Remake, in uscita su PC, PlayStation 5 e Xbox Series X/S il 27 gennaio 2023, la serie survival horror di Electronic Arts si appresta a fare il suo grande ritorno in scena dopo un decennio di assenza, e lo fa attraverso il rifacimento dello storico capostipite del 2008.

Sono 15 gli anni che separano i classico originale dal suo rifacimento moderno: quando il primo Dead Space fece il suo esordio le console di riferimento erano PlayStation 3 e Xbox 360, e da allora due generazioni sono passate. Viene quindi spontaneo domandarsi cosa cambia tra il Dead Space originale ed il remake, considerato appunto che l'opera allora sviluppata dalla defunta EA Redwood Shores/Visceral Games offre meccaniche ed impostazioni ludiche ancora sostanzialmente attuali.

Chiaramente le prime differenze sono tecniche, con Dead Space Remake pensato appositamente per l'attuale generazione rappresentata da PS5 e Xbox Series X/S e che compie dunque un balzo visivo piuttosto evidente: oltre ad una maggiore cura nei dettagli e nei modelli poligonali di personaggi e Necromorfi, anche gli effetti di luci ed ombre sono all'avanguardia, contribuendo a rendere l'atmosfera del Remake odierno ancora più immersiva ed inquietante rispetto al passato (ecco a tal proposito quanto fa paura Dead Space Remake). Rinnovato anche il comparto sonoro, reso ancora più realistico in termini di effetti e con un doppiaggio (anche in lingua italiana) completamente rifatto da zero per adattarsi ai dialoghi rinnovati di questa edizione.

Le differenze si notano anche in ambito gameplay: sebbene EA Motive abbia voluto restare fedele il più possibile all'opera del 2008 e le meccaniche di gioco restano analoghe a quanto visto in passato, il level design è stato in parte rinnovato per adattarsi alle potenzialità della next-gen, offrendo dunque nuove stanze ed aree (al centro in particolare di missioni secondarie pensate appositamente per il Remake) oltre ad aver rinnovato la struttura di alcune specifiche location. Completamente rinnovate, invece, le fasi a gravità zero, più vicine a quanto visto in Dead Space 2 e 3: Isaac può adesso volare in aria e muoversi liberamente, senza dover dunque saltare nel vuoto tra una piattaforma e l'altra come accadeva nell'opera originale.

E come ci ha confermato EA Motive nella nostra intervista agli autori di Dead Space Remake, la struttura di alcuni scenari ed obiettivi è completamente nuova, facendo particolare menzione ai capitoli 4 e 8 della storia dove tali differenze si noteranno con maggior enfasi. Il classico del passato è stato completamente rifatto da capo in ogni caratteristica, così da dare vita ad un prodotto inedito pur mantenendosi al tempo stesso in linea con il vecchio Dead Space, così da regalare sorprese non solo ai neofiti, ma anche ai veterani del brand. Per scoprire tutto sul nuovo gioco targato EA Motive, ecco la recensione di Dead Space Remake.

Quanto è interessante?
2