Death Stranding: la classificazione ESRB svela alcune scene violente del gioco

Death Stranding: la classificazione ESRB svela alcune scene violente del gioco
di

Attenzione, potrebbero esserci degli spoiler! Le notizie su Death Stranding continuano a susseguirsi in vista del lancio previsto per l'8 novembre. Ora è il momento della classificazione ESRB (Entertainment Software Rating Board) che ha assegnato al gioco di Kojima una M che sta per Mature (ovvero, destinato ad un pubblico adulto).

Death Stranding è ormai in fase "gold" e tra i vari preparativi finali c'è quello dell'assegnazione della fascia di età indicata per il gioco. ESBR ha valutato Death Stranding e lo ha ritenuto appropriato alla fascia di età 17+, cioè ad un pubblico maturo. La scelta dell'organizzazione deriva dalla presenza di: sangue, violenza intensa, nudità parziale e linguaggio forte.

L'ESBR ha motivato la valutazione affermando che nel gioco in cui si potrà impersonare Sam Porter sono presenti molti e importanti "episodi di intensa violenza". Sebbene ci siano lunghi periodi di gioco in cui i giocatori trasportano passivamente i "pacchi" attraverso i vari scenari, l'istituto ha rivelato che gli incontri con "coloni umani e apparizioni spettrali" possono scatenare scontri a fuoco realistici in cui i nemici emettono "grandi schizzi di sangue e grida di dolore". Ancora più interessante è la parte in cui l'ESBR rivela che un bambino viene colpito "accidentalmente" e i giocatori possono vedere una pozza di sangue "apparire sotto di lui". Anche un "paziente in coma" e indifeso viene colpito alla testa mentre un altro uomo "si pugnala ripetutamente in lontananza". Per finire si cita anche un personaggio con i "glutei esposti".

Chi sarà il bambino in questione? E l'uomo in coma? Non manca poi molto per scoprirlo. Recentemente Hideo Kojima ha rivelato un dettaglio che potrebbe aiutare nella comprensione della trama. In attesa di scoprire i misteri di Death Stranding, in uscita l'8 novembre per PlayStation 4, vi lasciamo alla nostra anteprima del gioco.

Quanto è interessante?
10