Denuvo su Resident Evil 7: il DRM è difficile da craccare, ma non impossibile

di

Nei giorni scorsi ha destato scalpore la notizia di Resident Evil VII per PC craccato in meno di cinque giorni dal lancio del gioco, un record negativo assoluto per un gioco basato sul sistema di protezione Denuvo.

La società ha diffuso un comunicato tramite le pagine di Eurogamer.net per chiarire la situazione: "La nostra protezione Anti-Tamper è difficile da craccare, ma non impossibile. Noi continueremo a lavorare per migliorare il nostro DRM, con l'obiettivo di offrire una sicurezza ancora maggiore ai nostri clienti. Questo spiacevole episodio ci permetterà di analizzare meglio alcune parti del nostro sistema, in questo modo potremo intervenire tempestivamente e rendere la protezione ancora più sicura."

In passato, gli sviluppatori di Denuvo hanno rivelato che il loro obiettivo è quello di rendere i giochi protetti difficili da piratare durante la finestra di lancio, nel caso di Resident Evil VII però purtroppo non tutto ha funzionato a dovere e il titolo è finito nei circuiti di file sharing pochi giorni dopo il day one.

Quanto è interessante?
0