Destiny 2: Jotunn inarrestabile per via di un bug, verrà disabilitato nel nuovo Raid

Destiny 2: Jotunn inarrestabile per via di un bug, verrà disabilitato nel nuovo Raid
di

Lo Jotunn, il particolare fucile a fusione esotico di Destiny 2 i cui colpi esplosivi seguono il nemico, è da qualche giorno diventata l'arma non solo più odiata dai Guardiani nel PvP, ma anche dagli sviluppatori nel PvE.

Un buffo bug permette infatti ai giocatori di ottenere un moltiplicatore di danno estremamente alto quando si colpisce un bersaglio da breve distanza. Se tale potenziamento, chiaramente non voluto da parte di Bungie, aumenta del doppio i danni su console, la situazione su PC è fuori controllo e ogni colpo infligge circa 8 volte il valore di un normale proiettile di fuoco andato a segno. Dal momento che l'arma, che si ottiene casualmente completando l'ultima forgia dell'Armeria Nera, è nelle mani della maggior parte dei giocatori, gli sviluppatori hanno deciso di disabilitarla nella prossima Incursione in arrivo con Ombre dal Profondo, ovvero il Giardino della Salvezza. L'incredibile quantità di danno inflitta ai boss annullerebbe qualsiasi tipo di sfida e rischierebbe di rovinare la competizione tra le squadre che cercheranno di fare il possibile per essere le prime al mondo a completare il raid.

In attesa che una patch risolva la problematica, vi invitiamo a dare un'occhiata all'ultimo ViDoc di Destiny 2 Shadowkeep, nel quale è possibile vedere per la prima volta l'interno della Fortezza Scarlatta. Avete già visto la roadmap di Destiny 2 Shadowkeep?

Quanto è interessante?
3