Diablo Immortal è stato bannato in Cina a causa di un post su Xi Jinping?

Diablo Immortal è stato bannato in Cina a causa di un post su Xi Jinping?
di

Lo scorso 20 giugno, quando mancavano pochissimi giorni al lancio, Diablo Immortal è stato rinviato in maniera indefinita in Cina, un mercato solitamente molto ricettivo nei confronti dei prodotti free-to-play per mobile. Blizzard ha rassicurato gli utenti cinesi dicendo loro che varrà la pena aspettare, tuttavia i fatti stanno ancora facendo discutere.

Nelle ore in cui è stato confermato il rinvio del gioco, agli utenti della rete non è sfuggito il ban del profilo ufficiale di Diablo da Weibo, uno dei social network più frequentati in Cina. La concomitanza dei due avvenimenti sembra suggerire che siano collegati e un utente cinese di Reddit è convinto di conoscerne il motivo. A quanto pare, uno dei membri del marketing team di Diablo avrebbe pubblicato un messaggio molto delicato sulla pagina ufficiale, che può essere tradotto così: "Quando verrà rimosso dal suo posto l'orso?". Quello dell'orso parrebbe essere un riferimento al presidente in carica Xi Jinping.

L'uscita non sarebbe stata vista di buon occhio dalle autorità locali, che avrebbero immediatamente provveduto a silenziare il profilo Weibo di Diablo Immortal, scatenando quindi il rinvio del free-to-play. C'è dell'altro: secondo alcuni rumor, quanto accaduto starebbe avendo delle ripercussioni anche su Netease, editore del gioco in Cina, al quale potrebbe essere negata la possibilità di pubblicare nuovi titoli nei prossimi tre anni. Ciò potrebbe influenzare anche la distribuzione cinese dei prossimi giochi di Blizzard (inclusi Diablo 4 e Overwatch 2) che a questo punto sarebbe costretta a trovare un partner diverso da Netease.

Ci teniamo a precisare che nulla di tutto ciò è stato confermato dai diretti interessati, pertanto nel frattempo vi invitiamo a prendere queste informazioni per ciò che sono, ossia rumor e speculazioni.

FONTE: Reddit
Quanto è interessante?
4