Diablo Immortal e il pay-to-win: Maxroll e noti streamer abbandonano il gioco

Diablo Immortal e il pay-to-win: Maxroll e noti streamer abbandonano il gioco
di

Diablo Immortal sta facendo enormemente discutere a causa del suo aggressivo sistema di monetizzazione, a causa del quale viene molto spesso etichettato come un titolo pay-to-win. Recentemente abbiamo scoperto che per potenziare al massimo il proprio personaggio sono necessari ben 540.000 dollari.

Disgustati dalla situazione venutasi a creare, gli autori di Maxroll, portale specializzato in coverage sulla serie di Diablo e miniera d'oro per tutti gli appassionati del franchise, hanno deciso di abbandonare il gioco e non realizzare più contenuti che lo riguardino.

"Le dipendenze dal gioco sono reali e possono distruggere completamente delle vite. Anche se il 99% dei giocatori ha un perfetto controllo degli impulsi, non riusciamo ancora a sopportare cosa succede all'altro 1%. Questo è completamente contro i nostri valori e non ne faremo più parte", ha dichiarato Maxroll a PCGamesN in merito al "sistema predatorio pay-to-win" di Diablo Immortal.

Ad affiancare Maxroll nella sua scelta c'è anche lo streamer wudijo, che ha recentemente condiviso un video in cui confermava che, molto probabilmente, avrebbe abbandonato l'hack 'n' slash: "Penso che sia diventato abbastanza ovvio che molte persone stanno lasciando il gioco, molti creatori di contenuti sono scontenti e si stanno allontanando, e questo include anche me", ha dichiarato.

Asmongold, noto streamer di MMO, ha anch'egli confermato che avrebbe abbandonato Diablo Immortal, dopo aver speso "un paio di migliaia di dollari" per il suo personaggio.

A metà giugno, Blizzard ha rapidamente generato 24 milioni di dollari grazie alle microtransazioni di Diablo Immortal.

FONTE: nme
Quanto è interessante?
3