Dizionario dei videogiochi: hack n slash, cosa vuol dire?

Dizionario dei videogiochi: hack n slash, cosa vuol dire?
di

La complessità dell’universo videoludico chiama a sé numerosi termini utili a poterne identificare gli elementi che lo compongono. Molte definizioni si sono evolute di pari passo col medium stesso, come ad esempio quella relativa ai titoli Hack and Slash. A tal proposito, ecco cosa significa e da dove trae origine questa etichetta così specifica.

La prima comparsa del termine in questione risale agli anni ‘80, quando venne impiegato in un articolo pubblicato sulla rivista Dragon (uno dei periodici ufficiali dedicati a Dungeons & Dragons) per indicare un tipo di campagna incentrata esclusivamente sulle battaglie. Da quel momento in poi il termine crebbe a dismisura, fino a rappresentare qualsiasi tipo di situazione o combattimento che prevedeva l’utilizzo delle cosiddette armi bianche. Per questo motivo, in origine, a essere chiamati Hack and Slash erano tutti quei videogiochi che includevano certe armi, come ad esempio il picchiaduro a scorrimento Golden Axe (ecco a tal proposito quali sono i migliori picchiaduro a scorrimento).

L’avvento del 3D ha poi portato a un ulteriore ampliamento di quel concetto, legandolo a qualsiasi tipo di esperienza action in cui frenesia e combattimento la fanno da padrone. In questo senso, chi più chi meno, titoli come Ninja Gaiden, Prince of Persia, Diablo, God of War o Devil May Cry (che entrando nello specifico andrebbe definito stylish action) rientrano tutti nel grande insieme dei giochi Hack and Slash.

Nel caso voleste conoscere altre espressioni tipiche del panorama videoludico, vi ricordiamo che sulle pagine di Everyeye.it potete scoprire che cosa si intende col termine META, una nozione particolarmente importante all’interno del panorama competitivo.

Quanto è interessante?
3