Dragon Quest XI Echi di un'Era Perduta non subirà alcuna censura in Occidente

di

Parlando durante il PAX East di Boston, il produttore di Dragon Quest XI Echi di un'Era Perduta ha confermato che il gioco non subirà alcuna censura per il mercato occidentale e tutti i contenuti dell'edizione giapponese resteranno invariati nella versione destinata a Europa e Nord America.

Hokuto Okamoto fa sapere che i dialoghi verranno ovviamente adattati per risultare più comprensibili in lingua inglese ma i testi non subiranno censure. Anche la funzionalità Magic Slot, basata in parte sul meccanismo dei Pachislot, sarà presente, nonostante questo tipo di concept sia ben poco popolare in Occidente.

Okamoto ha poi ribadito come la versione occidentale di Dragon Quest XI utilizzi un motore diverso rispetto a quella giapponese e che per questo risulti "più vicina a un remaster che a un porting". Ricordiamo che il gioco uscirà in Occidente il 4 settembre 2018 nei formati PlayStation 4 e PC (via Steam), l'edizione per 3DS non verrà pubblicata in Europa e Stati Uniti mentre la versione Switch uscirà non prima del 2019 in Giappone, in netto ritardo rispetto alle previsioni iniziali.

Quanto è interessante?
4