Driveclub rimosso da PS Store per via delle licenze, rivela l'ex direttore

Driveclub rimosso da PS Store per via delle licenze, rivela l'ex direttore
di

L'ex direttore di Evolution Studios, Paul Rustchynsky, ha offerto il suo punto di vista sulla spinosa questione legata all'annuncio, da parte di Sony, di rimuovere Driveclub da PS Store a partire dall'1 settembre di quest'anno e di chiuderne i server per l'accesso alle modalità multiplayer dall'1 aprile del 2020.

"Per essere chiari, come la maggior parte dei giochi di corse anche Driveclub deve essere stato ritirato per motivi che hanno a che fare con le licenze", ha spiegato l'ex boss di Evolution Studios avvermando che "è una pratica standard in tutto il settore del gaming da circa cinque anni, quindi se siete interessati a giocarlo compratelo prima che sia finito per sempre".

"Non è così facile estendere le licenze di un gioco di corse a causa dei costi", ha poi proseguito Rustchynsky prima di concludere che "è possibile ottenere l'estensione di una o più licenze ma il costo di questa operazione non dovrebbe essere sottovalutato". Quanto alla decisione di Sony di chiudere i server multiplayer, lo sviluppatore inglese ha spiegato che "è una questione diversa. Le vendite di un videogioco di corse sono legate alle scadenze sulle licenze concordate con i rispettivi proprietari. Le decisioni prese sui server sono scelte di business".

Dopo un lancio problematico (per non dire catastrofico), il progetto di DriveClub ha saputo riguadagnare col tempo la fiducia degli appassionati grazie a una serie di aggiornamenti che hanno portato in dote, tra le altre cose, il supporto a PS VR, le moto e delle funzionalità social avanzate. La chiusura di Evolution Studios e la sensibile riduzione del numero di giocatori, quindi, devono aver spinto Sony a compiere la triste scelta di togliere il titolo dallo store di PlayStation 4 e fissarne al prossimo anno la chiusura dei server multiplayer.

Quanto è interessante?
3