Dying Light 2 come Spider-Man e Tarzan: il funzionamento del rampino sarà migliore

Dying Light 2 come Spider-Man e Tarzan: il funzionamento del rampino sarà migliore
di

Dal momento che Dying Light 2 non arriverà in primavera come inizialmente preventivato, i ragazzi di Techland stanno impiegando il tempo aggiuntivo per rifinire ulteriormente il loro prodotto. Come affermato, l'intenzione è quello di realizzare un'esperienza all'altezza degli standard dello studio e delle aspettative dei videogiocatori.

Tra le meccaniche ereditate dal primo, immortale Dying Light, figura quella legata al rampino. Pur essendo uno strumento molto utile, nel capostipite della serie sembrava mal integrato nel parkour, e il suo impiego poteva risultare poco fluido. Per questo motivo, il responsabile di tale meccanica - Bartosz ‘Glova’ Kulon - sta lavorando sodo al suo miglioramento. In un'intervista concessa a VG247, ha affermato: "Sarà maggiormente basato sulla fisica, qualcosa di simile a Spider-Man o Tarzan: non potrete abusarne poiché dovrete avere qualcosa sulle vostre teste dalla quale oscillare". Il nuovo rampino avrà anche una portata ridotta: in sostanza, per spostarvi nel mondo dovrete alternarlo in maniera armoniosa con il parkour, senza esagerare con il suo impiego.

Anche se con la sua dichiarazione non si riferiva in maniera diretta a Marvel's Spider-Man per PS4, bensì al personaggio in sé (lo lascia intendere la menzione a Tarzan), è impossibile non pensare al gioco di Insomniac Games, dal momento che anche in quest'ultimo è stata posta molta attenzione nello sviluppo delle meccaniche di traversata. L'arrampicamuri non dondola mai dal nulla, visto che la ragnatela può attaccarsi solamente ad oggetti realmente presenti nel mondo di gioco, una filosofia integrata anche in Dying Light 2.

Quanto è interessante?
6