di

Il collettivo di Digital Foundry ha colto l'occasione offertagli dalla prova con Dying Light su Nintendo Switch per studiarne nel dettaglio le performance e il comparto grafico, fornendo tanti spunti di riflessione e qualche sorpresa sull'approccio adottato nello sviluppo di questo atteso porting.

Nella sua puntuale disamina sugli aspetti dirimenti di questa nuova versione di Dying Light, il giornalista John Linneman di DF non nasconde il suo apprezzamento per il lavoro svolto da Techland e descrive questo porting come "impressionante e intelligentemente progettato".

Prendendo come base la versione 1.43 del kolossal horror a mondo aperto, gli sviluppatori polacchi hanno infatti preferito non operare una trasposizione "lineare" ma si sono spesi per ottimizzare ogni singolo aspetto del titolo per sfruttare al meglio le risorse computazionali e l'hardware a loro disposizione.

In tal senso rientra la sorpresa rappresentata dall'adozione di una tecnica di TAAU che, partendo da una risoluzione inferiore ai 1080p e ai 720p delle modalità Docked o Portatile, ricostruisce l'immagine per effettuarne l'upscaling e restiture a schermo una scena più pulita e ricca di dettagli.

Grazie a questo approccio, gli inevitabili compromessi a cui è dovuta scendere Techland nel trasporre Dying Light sulla console ibrida della casa di Kyoto non impattano negativamente sull'esperienza di gioco. Rispetto alle versioni Xbox One e PS4, su Switch gli esploratori di Harran devono "accontentarsi" di una profondità di campo meno marcata, di effetti di post-processing più leggeri e di una risoluzione inferiore per texture e ombre. Tali sacrifici, ad ogni modo, ripagano gli utenti in termini di fluidità, merito di un framerate sbloccato che consente al titolo di girare quasi sempre sopra i 30fps anche nelle ampie ambientazioni dell'espansione Dying Light The Following.

L'altra sorpresa evidenziata da Digital Foundry consiste nell'insolito "vantaggio ludico" offerto dalla riduzione degli zombie che popolano la mappa: in determinate fasi della partita, infatti, un numero inferiore di nemici contribuisce a rendere meno frenetiche le sessioni di combattimento e il ricorso al parkour per esplorare la mappa sfruttandone la verticalità.

La cura riposta da Techland nel porting per Switch, a detta di Digital Foundry, non può che essere di buon auspicio per l'update nextgen di Dying Light su PS5 e Xbox Series X/S, annunciato di recente dagli sviluppatori polacchi ma senza fornire ulteriori chiarimenti sulla sua natura, se gratuita o a pagamento per chi possiede già il gioco.

Quanto è interessante?
2

Dying Light

Dying Light
Aggiungi in Collezione
  • In Uscita su
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • PS4 Pro
  • Xbox One X
  • Date di Pubblicazione
  • Pc : 30/01/2015
  • PS4 : 27/01/2015
  • Xbox One : 30/01/2015
  • PS4 Pro : 27/01/2015
  • Xbox One X : 27/01/2015
  • Genere: Survival Horror
  • Sviluppatore: Techland
  • Publisher: Warner Bros. Interactive Entertainment
  • Pegi: 18+
  • Pagina su Wikipedia: Link
  • Richieste Hw Consigliate
  • CPU: Intel Core i5-2500 3.3 GHz
  • RAM: 4 GB RAM DDR3
  • GPU: NVIDIA GeForce GTX 560
  • Caratteristiche tecniche
  • +

Che voto dai a: Dying Light

Media Voto Utenti
Voti: 122
8.3
nd