eFootball 2022: il gameplay ci ha convinto? La prova su PS5

di

Con eFootball che si appresta a battere il calcio d'inizio della prima stagione il 30 settembre su PC e console, abbiamo avuto modo di provare una versione dimostrativa del gioco su PlayStation 5: eccovi le nostre considerazioni e impressioni sui contenuti e sul gameplay del nuovo simulatore calcistico targato Konami.

Una volta calcato il prato virtuale dell'erede di PES, bastano davvero pochi secondi per accorgersi dei cambiamenti avvenuti sotto il profilo meramente grafico, in ragione del passaggio ad Unreal Engine 4 e alle profonde modifiche avvenute nelle animazioni e nel controllo palla.

Nel nuovo corso free-to-play della serie sportiva di Konami, l'esperienza di gioco è pensata per essere totalmente personalizzabile e lo si avverte negli scontri uno contro uno, nelle opzioni accessibili sia in difesa che in attacco per mantenere il possesso palla e, più in generale, nell'impostazione scelta dagli sviluppatori giapponesi per erigere un impianto ludico più ritmato.

Il tutto viene accompagnato da una parziale riscrittura del sistema di controlli e da una maggiore ricerca nelle interazioni tra atleti, con una fisica più evoluta che "fluidifica" l'azione di gioco. Solo con il tempo, e con i numerosi aggiornamenti contenutistici promessi dagli autori nipponici, capiremo se le ambizioni nutrite da Konami si concretizzeranno in un'esperienza davvero completa e capace di soddisfare anche il pubblico più esigente.

Per addentrarvi ulteriormente nelle analisi e nei giudizi sulla prova PS5 dell'erede di Pro Evolution Soccer, sulle pagine di Everyeye.it trovate lo speciale sul gameplay eFootball a firma di Michele Verardi.

Quanto è interessante?
4