Elden Ring, perché Senzaluce e Grazia? Il team racconta la traduzione di Tarnished e Grace

Elden Ring, perché Senzaluce e Grazia? Il team racconta la traduzione di Tarnished e Grace
di

Con oltre 12 milioni di copie vendute da Elden Ring in meno di tre settimane, il nuovo Action RPG di casa FromSoftware è un successo su tutta la linea, accolto con entusiasmo sia dalla critica sia dal pubblico.

All'interno del titolo, prende vita un mondo articolato e complesso, che svela la propria natura soltanto gradualmente, tramite una commistione tra narrativa ambientale, dialoghi criptici e una marea di descrizioni di oggetti ed equipaggiamenti. All'interno di un simile contesto ogni parola ha un suo peso, come ci ha di recente raccontato il team di Bandai Namco Europe responsabile dell'adattamento di Elden Ring nelle lingue europee.

Nel corso di un'interessante intervista concessa alla Redazione di Everyeye, i traduttori ci hanno in particolare svelato le origini delle espressioni "Senzaluce" e "Grazia". La prima, resa in inglese come "Tarnished", nasce da una serie di linee guida offerte da FromSoftware stessa. "Nella descrizione offerta dagli sviluppatori, si definiva un 'Tarnished' come un individuo privo di rune, contraddistinto da 'occhi spenti', a differenza di coloro che possiedono rune e hanno invece occhi dorati. - ci raccontano - I Tarnished erano inoltre dipinti come una razza disprezzata. Di conseguenza, ci siamo concentrati su due parole e concetti chiave: 'luce' ed 'emarginato'. Inoltre, - concludono - avevamo bisogno di un termine che fosse gender-neutral, vista la possibilità di creare un protagonista sia maschile sia femminile".

Per quanto riguarda invece l'espressione "Grazia", che permea ogni angolo dell'Interregno, ci è stato raccontato quanto segue: "Per un giocatore occidentale, il termine 'Grazia' evoca importanti concetti che ben si adattano alla cornice di Elden Ring: un'entità superiore, una benedizione, qualcosa che proviene dall'alto. Sul fronte semantico, è stata una scelta naturale, vista la nostra estrazione cattolica".

Per approfondire queste interessanti tematiche, vi ricordiamo che sulle nostre pagine potete trovare un ricco speciale dedicato alla traduzione italiana di Elden Ring, nato da un'intervista con Clémence Aubry, Project Manager presso Bandai Namco Europa che ha supervisionato l'intero processo di adattamento del gioco per il Vecchio Continente.

Quanto è interessante?
7