di

Mentre prosegue il dibattito dei fan per il consiglio di giocare Elden Ring su PS5 in versione PS4 a 60fps, Digital Foundry ha condotto dei nuovi test sul kolossal ruolistico di FromSoftware per focalizzarsi, questa volta, sui problemi emersi nella versione PC del titolo.

L'esperto collettivo di giornalisti videoludici ha tratto spunto dal raffronto tra le versioni PC, PS5 e Xbox Series X/S di Elden Ring per soffermarsi, appunto, sull'edizione PC. Le analisi svolte da DF abbracciano ogni aspetto grafico e prettamente tecnico dell'opera, dalla forbice prestazionale tra i preset minimi e raccomandati alla mera qualità visiva di vegetazione, modelli poligonali, personaggi e creature.

Oltre ai già noti problemi di framerate di Elden Ring che accomunano tutte le versioni del GDR open world di FromSoftware, dai test di Digital Foundry emergono ulteriori criticità non meno gravi come i frequenti fenomeni di stuttering (specie su librerie DirectX12), le interruzioni saltuarie nel caricamento degli shader, l'assenza di una modalità Ultra Wide e le costanti difficoltà del motore di gioco nello scaling delle impostazioni grafiche.

L'inevitabile conclusione a cui giungono i ragazzi di DF è perciò quella di riporre momentaneamente l'armatura del Senzaluce e di rimandare l'esplorazione dell'Interregno fino all'arrivo delle patch di Elden Ring promesse da FromSoftware, grazie alle quali dovrebbero essere risolti i problemi più dirimenti ravvisati al lancio nel framerate, nelle performance e nell'ottimizzazione generale.

Quanto è interessante?
6