di

Il porcospino blu mascot di casa SEGA nacque nei primi anni '90 come alternativa più "cool" all'idraulico di Nintendo. Il suo atteggiamento e la sua velocità rispecchiavano il modo di essere dei giovani e, grazie a questa caratteristica, Sonic sarebbe dovuto essere il protagonista di un titolo di skateboard che fu infine cancellato.

Grazie al lavoro del canale YouTube Unsees64, oggi emergono nuovi dettagli su Sonic the Hedgehog Extreme, gioco sportivo sviluppato sull'onda della popolarità che ai tempi riscuoteva la serie Tony Hawk's Pro Skater.
Secondo Liam Robertson del canale Unsees64, il gioco venne sviluppato senza il consenso di SEGA. Vision Scape lavorò al concept del gioco in vista di una possibile release sulle maggiori console del tempo, ovvero l'originale Xbox, GameCube e PlayStation 2. Tutto ciò che rimane di Sonic the Hedgehog Extreme sono queste sequenze di gameplay del prototipo, che mescola l'aspetto visivo e colorato delle aree caratteristiche di Sonic con gli half-pipe tipici di Tony Hawk's Pro Skater.

Al momento SEGA è impegnata nella realizzazione di due giochi con protagonista il porcospino blu: Sonic Mania, un vero e proprio tuffo nel passato per celebrare i capitoli dell'epoca SEGA Mega Drive, e Sonic Forces, un nuovo titolo in 3D che vedrà ancora una volta collaborare il Sonic dei tempi moderni con quello classico.

Quanto è interessante?
0