Epic Games e l'esclusività dei giochi su PC: il CEO Tim Sweeney dice la sua

Epic Games e l'esclusività dei giochi su PC: il CEO Tim Sweeney dice la sua
di

Sta facendo molto discutere l'aggressiva politica di Epic Games, che nel tentativo portare al successo il suo neonato marketplace ha ottenuto l'esclusiva di alcuni prodotti di peso, come Hades di Supermassive Games, Metro Exodus di 4A Games (per un anno) e Tom Clancy's The Division 2 di Ubisoft (assieme ad Uplay).

La comunità PC si è letteralmente divisa sull'argomento: da un lato ci sono coloro che non vedono di buon occhio le esclusive legate a determinati servizi e dall'altro gli utenti che non danno alcuna importanza al client da scaricare per poter giocare ai propri titoli preferiti. Recentemente, è intervenuto sulla faccenda anche il CEO di Epic Games, Tim Sweeney, che non sembra avere alcuna intenzione di modificare i piani della compagnia in merito.

"Steam offre i giochi Valve, Origin quelli EA, Battle.net quelli Activision e Bungie, mentre Epic Games propone i giochi di differenti publisher. Mi rendo conto che non amate le esclusive legate agli store, ma favorisce la concorrenza e si tratta di un problema del tutto separato da un altro ben più importante, ovvero la volontà di chiudere alcune piattaforme come Windows e monopolizzare la distribuzione, come fa iOS e come ha tentato di fare Microsoft con la Universal Windows Platform, fallendo. I sostenitori di tale iniziativa sono andati via e sono stati rimpiazzati con dei grandi leader come Satya Nadella e Phil Spencer, che stanno facendo evolvere Windows in una piattaforma aperta".

Riguardo la distribuzione esclusiva di Tom Clancy's The Division 2 al di fuori di Uplay ha invece dichiarato: "Ubisoft ha acconsentito alla co-esclusività su Uplay ed Epic Games Store. Epic Games cerca di ottenere dei giochi esclusivi per dare forma ad una line-up unica e offrire un'altra ragione ai giocatori per venire sul nostro store".

Sweeney ha poi specificato che non c'è alcun cambiamento di rotta all'orizzonte. La compagnia continuerà ad agire in questo modo in futuro: "Capisco i vostri sentimenti e il fattore convenienza dato da un singolo store, ma Epic continuerà a seguire questa strada. L'esclusività è il nostro strumento più potente assieme alla percentuale dell'88% sui ricavi destinata ai publisher, in contrapposizione al 70% degli altri store.

Quanto è interessante?
8