L'epidemia di Coronavirus sta influenzando la produzione di Nintendo Switch in Cina

L'epidemia di Coronavirus sta influenzando la produzione di Nintendo Switch in Cina
di

Stamane Nintendo ha tenuto una nuova riunione con gli azionisti per comunicare i risultati finanziari relativi al trimestre che si è concluso il 31 dicembre 2019, che si sono rivelati ancora una volta di altissimo livello.

L'ibrida di Kyoto ha raggiunto quota 52,48 milioni di console distribuite, più che sufficienti a superare i risultati raggiunti dal SNES nell'arco del suo intero ciclo vitale e, secondo un analista, anche quelli di Xbox One (difficile dirlo con certezza, visto Microsoft non comunica dati precisi suoi suoi hardware).

Quest'oggi, tuttavia, non sono state comunicate solamente notizie positive. Il presidente di Nintendo Shuntaro Furukawa ha infatti ammesso che l'epidemia di Coronavirus in Cina - che secondo gli ultimi dati ufficiali avrebbe infettato oltre 7.000 persone, delle quali 170 avrebbero perso la vita - sta influenzando negativamente la produzione di Nintendo Switch. L'esecutivo non ha aggiunto ulteriori dettagli, pertanto non conosciamo con esattezza la gravità del problema e non sappiamo se questo rallentamento influenzerà le vendite in futuro. Ciò che è certo, è che la richiesta di Switch in giro per il mondo è alta, e un'eventuale carenza di scorte - problema con il quale Nintendo ha già avuto a che fare in passato, sebbene per motivi diversi - potrebbe pregiudicarne le vendite. Staremo a vedere.

Quanto è interessante?
4