Esport

Esport alle Olimpiadi? Una cosa "assurda", per il Presidente della Federcalcio tedesca

di

Quando tira aria di cambiamento, le polemiche sono ovviamente inevitabili. Sono sempre di più le personalità vogliono dire la loro sull'esport, commentando positivamente (o negativamente) l'esplosione di questo "fenomeno".

Ora, a dire la sua è il Presidente della Federcalcio tedesca (DFB), Reinhard Grindel. Quest'ultimo si è espresso sull'inserimento degli esport ai Giochi Olimpici dichiarando che è una cosa "assurda".

In occasione della partecipazione a un evento ufficiale, Grindel ha affermato che gli esport sono il principale concorrente del DBF. "La più grande competizione per i bambini che desiderano entrare nei nostri club non è la pallamano o la pallacanestro, ma quella digitale”, ha dichiarato il presidente della federcalcio. "Questo è l'impoverimento assoluto". La DFB è la più grande federazione nazionale di calcio a livello mondiale e membro fondatore della FIFA.

Grindel è riluttante ad accettare gli esport come un'attività legittima degna di inclusione alle Olimpiadi.

"Lo sport svolge una funzione sociale e questo succede nella comunità: con lo sport hai un contatto diretto con chi giochi", ha detto Grindel. "Il calcio appartiene al campo da gioco e non ha nulla a che fare con altre cose legate al computer, per me gli esport non sono sport".

"Considero tutto questo assurdo", ha detto Grindel quando gli è stata chiesta la potenziale inclusione futura nei Giochi Olimpici degli esport. "Spero che questo non accada."

La crescita degi esport a livello globale è stata sufficiente per convincere molte organizzazioni calcistiche, come l'FC Schalke, il VfL Wolfsburg e il VfB Stuttgart, a investire in questa fetta di mercato in forte espansione.

Secondo le previsioni, il giro d'affari nel mondo esportivo ha superato i 655 milioni di Dollari nel 2017, rendendolo un investimento assolutamente redditizio per tutti i tipi di organizzazioni sportive tradizionali.

StarCraft 2 è già stato protagonista del torneo IEM PyeongChang Masters tenutosi in concomitanza delle Olimpiadi invernali appena concluse, dove i giocatori si sono dati battaglia per un prize pool di 150.000 Dollari - molte volte più di quello che la stragrande maggioranza degli atleti olimpionici guadagnano in bonus dalle loro nazioni d'origine per la vincita della medaglia d'oro. Durante quell'evento, Sasha "Scarlett" Hostyn ha scritto la storia come la prima donna a vincere un torneo premier di StarCraft 2.

Nonostante l'enorme successo di quel torneo e l'accostamento a un evento di portata mondiale come le Olimpiadi, il Comitato Olimpico Internazionale continua a discutere riguardo all'inclusione degli esport alle Olimpiadi.

A novembre, se lo ricordate, il CIO ha affermato che gli esport "non devono violare i valori olimpici" da prendere in considerazione per i giochi globali. Ciò significa che i giochi con "violenza, esplosioni e uccisioni" sarebbero comunque esclusi a priori.

Quanto è interessante?
4