Esport

Esport e Simpson: quando il gaming competitivo incontra la cultura pop

Esport e Simpson: quando il gaming competitivo incontra la cultura pop
di

I Simpson rappresenteranno l'esport in una puntata della nuova stagione: segno che il gaming competitivo sta ormai entrando nella cultura mainstream.

Per l'occasione, Riot Games è stata contattata per assicurarsi che l'esport fosse correttamente rappresentato. Non è la prima volta che la serie di Matt Groening parla dei videogiochi, ma è di sicuro la prima vera e propria “collaborazione creativa” tra un publisher così importante coinvolto nell'esport e un media “tradizionale” come un cartone animato così conosciuto.

Il Co-Heads of Esports di Riot Games, Whalen Rozelle, e Jarred Kennedy sono stati consultati per l'episodio, così come David "Phreak" Turley, un caster della NA LCS.

Non è nemmeno la prima volta che il mondo mainstream si occupa di trattare l'esport. Netflix, ad esempio, ha raccontato la League of Legends Championship Series (LCS) nella serie 7 Days Out, un documentario “dietro le quinte” di ciò che accade nell'organizzazione di un grande evento.

Un altro documentario di Netflix, "Explained", nell'episodio 8 si occupa proprio di spiegare l'esport.

Neymar ha visto il suo PSG salutare la Champions in compagnia di Ninja. Jimmy Fallon ed Ellen DeGeneres, comici e vari programmi televisivi continuano si confrontano sempre più spesso su queste tematiche.

Il 17 marzo Fox trasmetterà dunque il nuovo episodio dei Simpson chiamato "E My Sports". Bart, in buona sostanza, inizia a competere in un gioco chiamato "Conflict of Enemies". Il gioco sarà molto simile a League of Legends; Homer si appassionerà a tal punto da iniziare ad allenare la squadra.

Quanto è interessante?
6