Facebook Gaming demonetizza i cheater: nuova policy dopo il caso Vikkstar

Facebook Gaming demonetizza i cheater: nuova policy dopo il caso Vikkstar
di

Mentre imperversa lo scetticismo dei giocatori sull'azione anti-cheating di Activision, giungono sul fronte degli atteggiamenti scorretti in-game alcune novità interessanti.

Sembra infatti che Facebook Gaming abbia deciso di intraprendere una vera e propria guerra contro i cheater. La piattaforma di streaming, riporta il referente eSport Rod Breslau, avrebbe infatti deciso di procedere con un'azione volta ad escludere i contenuti generati dai giocatori scorretti. Ad avviare la riflessione sul tema è stato il "caso Vikkstar", che ha visto il noto content creator comunicare l'abbandono di Call of Duty: Warzone, irritato dal numero di cheater attivi nel gioco ed esasperato dalla presenza di video gameplay pubblicati da un utente scorretto su Facebook Gaming.

In seguito al caso, Facebook Gaming avrebbe dunque deciso di revocare la partnership al cheater segnalato da Vikkstar, i cui contenuti sono stati demonetizzati. Il medesimo trattamento sarebbe stato riservato ad altri content creator soliti pubblicare streaming durante i quali venivano presentati e utilizzati apertamente cheat. Un primo passo della piattaforma per contrastare il fenomeno, che non sembra più essere disposta a tollerare sui propri lidi.

Nel frattempo, Vikkstar ha comunicato di aver aperto un canale di dialogo con Activision, per offrire supporto nell'azione di contrasto al cheating in COD da parte della compagnia.

FONTE: Dexerto
Quanto è interessante?
4