Esport

I FaZe Clan guadagnano la copertina di Sports Illustrated

I FaZe Clan guadagnano la copertina di Sports Illustrated
di

L’organizzazione statunitense FaZe Clan si è guadagnata la copertina del numero di luglio di Sports Illustrated, una delle riviste sportive più famose e conosciute al mondo.

Non è la prima volta che i due mondi (sportivo ed esportivo) collidono; certo che vedere un’organizzazione esport sulla copertina di una rivista così importante per il gaming competitivo non può che essere un passo ulteriore verso il “mainstream”.

Sulla copertina è possibile vedere alcuni membri dei FaZe Clan: Bronny James (figlio del Lebron “The Chosen One” James) e Kyler Murray, nonché i giocatori professionisti e i creatori Nick Mercs, Swagg, Rug e Temperr.

Il coverage esplora la storia di FaZe Clan, dalle sue origini di squadretta nata per i tip&trick su YouTube, sino all’esplosione e alla sua trasformazione in uno dei brand di gaming e lifestyle più influenti.

In circa undici anni di storia i FaZe Clan hanno colonizzato - con uno stile sempre sopra le righe (soprattutto del suo founder e di investimenti non sempre limpidi) - molteplici settori, reclutando talenti di ogni campo: musicisti, content creator, influencer, sportivi...e autori cinematografici.

Sì, perché i FaZe Clan stanno collaborando con il produttore cinematografico e televisivo, nonché premio Oscar per Il Caso Spotlight Michael Sugar, già al lavoro anche su 13 Reasons Why e Maniac. I FaZe hanno infatti messo in piedi i FaZe Studios.

Non solo: l’organizzazione è diventata il punto di riferimento di sponsor e brand (Champion, Kappa, Nissan, New Era) interessati ad attivazioni nel mondo del gaming competitivo.

Partnership strategiche, poi, hanno garantito all’organizzazione una visibilità sempre più ampia. Basti pensare a quella con il Manchester City.

Quanto è interessante?
1