di

Durante l'atteso evento EA Play Spotlight sul gameplay di FIFA 22, gli sviluppatori del prossimo capitolo del simulatore calcistico targato EA Sports hanno illustrato nel dettaglio i maggiori benefici offerti dal sistema HyperMotion di FIFA 22 su PS5, Xbox Series X/S e Google Stadia.

Il video confezionato da Electronic Arts offre tantissimi spunti di riflessione sulla tecnologia HyperMotion, il perno attorno al quale graviteranno tutte le principali innovazioni della versione nextgen di FIFA 22.

Lavorando in parallelo con le consuete sessioni di motion capture, il sistema HyperMotion registra ogni singola azione compiuta dagli atleti in mocap tramite delle tute ipertecnologiche che generano una mole gigantesca di dati. Il sistema sfrutta quindi un algoritmo avanzato di Machine Learning per sviluppare un sistema di gameplay ancora più realistico, ricreando ingame un quantitativo smisurato di animazioni da oltre 8,7 milioni di fotogrammi di riprese.

All'atto pratico, tutto ciò si concretizzerà in un gameplay sensibilmente più responsivo e autentico, con contrasti più fisici, interazioni tra i calciatori più avanzate e atleti più reattivi sia nelle fasi di possesso palla che di interdizione. Sempre grazie al sistema HyperMotion e all'algoritmo che lo governa, EA punta a generare duelli aerei più cinetici e calciatori con animazioni e comportamenti "umanizzati": a detta degli sviluppatori, ciò significa che nel corso della partita vedremo i giocatori in campo dialogare con i propri compagni di squadra, scambiarsi istruzioni sui cambi di formazione ed esprimere la fatica accumulata nelle fasi più avanzate della partita.

Se volete saperne di più sui cambiamenti apportati da EA tramite il sistema HyperMotion (ma non solo), sulle pagine di Everyeye.it trovate il nostro speciale sulla demo PS5 di FIFA 22 con le considerazioni di Giuseppe Arace sulle potenzialità del Machine Learning applicato allo sviluppo di un videogioco di calcio che punta al realismo estremo.

Quanto è interessante?
2