FUT 19: come creare una squadra di Serie A competitiva con 100.000 crediti

FUT 19: come creare una squadra di Serie A competitiva con 100.000 crediti
di

Come già fatto in occasione di FIFA 18, anche con FUT 19 cercheremo di costruire le migliori formazioni possibili con un budget limitato di crediti, così da dare qualche indicazione in più ai giocatori più inesperti nella scelta dei giocatori. Come primo approfondimento in merito abbiamo deciso di trattare la Serie A italiana.

Come sempre, vi ricordiamo che i prezzi sono a rischio di variazione, dunque nel corso del tempo potrebbe non essere più possibile costruire questo team con lo stesso numero di crediti. Crediti che, ci teniamo a precisare, saranno relativi alla versione PlayStation 4 del gioco. Come fatto nei precedenti articoli, per comodità abbiamo deciso di utilizzare il modulo 4-3-3 di partenza, anche se i giocatori che abbiamo schierato in campo sono perfetti per il 4-2-3-1, decisamente il modulo più utilizzato quest’anno su FIFA 19 Ultimate Team. Ecco i giocatori che abbiamo selezionato!

POR: Wojciech Szczesny 84 – 3200 crediti – scudo
L’erede dello storico numero 1 bianconero Gianluigi Buffon, il portiere polacco fin dai primi minuti ci è sembrata un giocatore solido e affidabile, molto adatto alle rose entry level di Serie A. Dotato di buone statistiche di tuffo e di presa, l’estremo difensore bianconero dopo decine di partite si è rivelato nel complesso un buon compromesso qualità prezzo. Nulla di sbalorditivo, si chiaro: sui tiri da lontano non si è rivelato esattamente una saracinesca, tuttavia se sarete bravi a chiudere gli spazi con i difensori potrete chiudere un occhio. Sui tiri ravvicinati invece, grazie all’ottima statistica di riflesso, ci ha sopresi. Spesso è in grado di compiere parate miracolose, che salveranno il risultato. Contro i grandi giocatori potrebbe soffrire ma si sa, è pur sempre una carta da circa 3000 crediti. Consigliata.

TD: Joao Cancelo 81 – 4900 crediti – ancora
Funambolo della fascia destra bianconera, il terzino portoghese ex inter si è rivelato una carta davvero pazzesca, prendendo di fatto il posto a quello che fino all’anno scorso era considerato il terzino destro inamovibile in tutte le serie A e non solo, Florenzi. Tecnica, potenza, velocità, difesa, a questa carta non manca davvero nulla. Nemmeno l’altezza, tema delicato che ha sempre fatto storcere il naso agli amanti del terzino giallorosso, che quest’anno fortunatamente hanno trovato una validissima alternativa. Lo stile intesa che abbiamo scelto è ancora, in quanto la velocità, già molto alta di suo, ha giusto bisogno di una piccola ritoccata, così come i valori fisici e difensivi.

DC: Milan Škriniar 85 – 11.500 crediti – ombra
Il difensore nerazzurro è stata una delle carte, finalmente, a ricevere un upgrade più elevato da parte del team di sviluppo. A ben vedere, stando alla stagione 2017 – 2018, in cui si è distinto come uno dei difensori più forti della Serie A. E la carta che EA ci ha regalato quest’anno è degna di nota. Skriniar si presenta come un avversario ostico da superare, a causa dei suoi ottimi valori difensivi, ottimi valori fisici e buoni valori atletici. Valori atletici che, seppur buoni, necessitano di una ritoccata, da qui la nostra scelta di assegnargli lo stile intesa ombra. Purtroppo, seppur in questo capitolo si senta meno dei precedenti, la velocità è ancora troppo importante, soprattutto quando l’avversario schiera velocisti del calibro di Mbappé o di Cristiano Ronaldo.

DC: Stefan de Vrij 84 – 4.100 crediti – ombra
Coppia di difesa nerazzurra dunque. Alternativa low cost a Manolas e a Koulibaly, De Vrij si presenta come un difensore roccioso e affidabile. Nonostante non brilli per velocità e agilità, riuscirà spesso a farsi trovare al posto giusto e al momento giusto, sventando con interventi in scivolata e tackle ponderati le azioni avversarie. Come detto, la velocità è il suo punto debole, insieme probabilmente ai passaggi. Per quanto riguarda il primo, lo stile intesa ombra lenirà un po’ il problema, portano il difensore alla velocità di 80. Se consideriamo che Manolas ha lo stesso valore senza alcuno stile intesa, è chiaro che De Vrij non sia un fulmine a ciel sereno. Però vi assicuriamo che il suo lavoro lo sa fare piuttosto bene. Per quanto riguarda i passaggi invece, il nostro consiglio, in questo caso particolarmente, è quello di non perdervi a palleggiare in area, ma se vedete l’avversario che arriva in pressing piuttosto di rinviare lungo. Magari perderete il pallone, ma eviterete guai grossi.

TS: Aleksandar Kolarov 82 – 2.200 crediti – ombra
Il terzino della Roma è la nostra quarta ultima scelta della nostra difesa. Sulla fascia sinistra del nostro campionato di Serie A, escluso Alex Sandro, le alternative sono davvero poche, e tra queste crediamo che il terzino giallorosso sia la migliore. Buoni valori tecnici, ottimi valori di cross (91) e ottimi valori di dribbling fanno di Kolarov un terzino tecnico e prettamente offensivo. Purtroppo non è affatto rapido, tuttaltro: 71 di velocità significa essere decisamente più lento della maggioranza degli esterni avversari. Tuttavia, grazie allo stile intesa ombra, possiamo cercare di limitare un po’ questa sua poca attitudine allo sprint, portando la velocità ad un valore di 84, decisamente più adatta al gameplay di FIFA Ultimate Team. Nel complesso comunque, Kolarov ci ha stupito in positivo, candidandosi alla posizione di secondo alle spalle, di svariate lunghezze sia ben chiaro, di Alex Sandro. Menzione particolare per le punizioni, specialità della casa da sempre del giocatore serbo. Una volta che riuscirete a capire il suo stile riuscirete a creare dei veri e propri capolavori dalla distanza.

CC: Sergej Milinkovic-Savic 85 – 12.000 crediti – ombra
Il gioiellino di scuola laziale è esploso la scorsa stagione, facendo venire l’acquolina in bocca a tutti i più grandi club europei e mondiali. Anche su FIFA 19 finalmente arriva una carta degna del giocatore serbo, che subisce un upgrade di addirittura 5 punti, passando da 80 ad 85 di overall. Una carta particolare quella di Milinkovic – Savic, che per certi versi ricorda molto quella di un altro centrocampista di caratura mondiale, Paul Pogba. Con il francese condivide lo strapotere fisico, la tecnica, la qualità di passaggi e tiri da lontano, con i dovuti paragoni ovviamente. Tuttavia crediamo che a questo prezzo, Milinkovic sia un must have in una Serie A entry level, perché in grado di offrire il proprio contributo in qualsiasi posizione venga schierato: dal trequartista inedito, alla mezzala, passando per schermo davanti alla difesa, posizione peraltro nella quale abbiamo deciso di posizionarlo noi. A questo proposito, ecco spiegato la scelta di uno stile intesa così difensivo come ombra: la necessità di avere più velocità ci ha portato a sacrificare le sue qualità offensive a scapito di quelle difensive. Ma non preoccupatevi, se doveste trovarvi palla al piede dal limite dell’area con Milinkovic – Savic con ombra, calciate comunque in porta. Le qualità balistiche del giocatore sono ottime!

CC: Daniele De Rossi 83 – 3.100 crediti – ombra
Capitan futuro, ormai capitan presente, è una scelta impopolare, lo sappiamo. Tuttavia vi consigliamo assolutamente di provarlo. Dotato di qualità difensive impressionanti per un centrocampista, il capitano giallorosso ci ha stupito per la sua capacità di farsi trovare sempre sulla linea di passaggio avversaria, sempre addosso al giocatore con la palla. Sarà sempre al posto giusto. E’ il classico giocatore che a partita in corso vi dimenticherete di avere, ma che il vostro avversario maledirà tutta la partita. La velocità è molto bassa lo sappiamo, ma con ombra diventerà accettabile. Buoni anche i valori di passaggio, fondamentali nel gameplay di quest’anno, specialmente a centrocampo. Daniele De Rossi è stata una gradita sorpresa, siamo sicuri che saprà stupirvi.

CC: Marek Hamšik 87 – 30.750 crediti – predatore
Da capitano a capitano
. Il numero 17 partenopeo è da sempre un habitué delle rose di bassa/medio livello. Anche quest’anno Hamsik dimostra qualità e limiti che lo contraddistinguono da numerosi edizioni del calcistico di EA: ottime qualità tecniche per mediocri mezzi fisici. Purtroppo Hamsik è il centrocampista in grado di far girare molto bene e velocemente il pallone, tuttavia soffre il confronto fisico con i centrocampisti avversari. Ed è per questo che abbiamo deciso di farlo giocare come trequartista alle spalle della punta, nel nostro 4231. Questo gli consente di svincolarsi dalle mansioni difensive, in favore di uno spiccato accentuarsi delle proprie qualità tecniche. In più con lo stile intesa predatore, ci ritroveremo tra le mani un calciatore con statistiche di tiro dalla distanza davvero pazzesche, che se abbinate alle sue 5 stelle piede debole ne fanno un tiratore micidiale. Inoltre, le statistiche già ottime di passaggio sono portate ancora più alto, rendendo il giocatore slovacco un ottimo trequartista. Certo, la velocità non è stellare, tuttavia il ruolo del trequartista in questa nuova incarnazione di FIFA non richiede una velocità esplosiva, a patto che sia il pallone a girare veloce. E questa, insieme alle bordate dalla distanza, sono la specialità della casa.

AS: Ivan Perisic 86 – 25.000 crediti – cacciatore
Perisic quest’anno è probabilmente, a nostro parere, l’esterno d’attacco più forte della Serie A. Lo sappiamo, c’è Douglas Costa, non ci siamo dimenticati, crediamo solamente che il croato in questo gameplay sia superiore. Esattamente come nella realtà, Perisic prima di essere un calciatore è un atleta a tutto tondo. Questa sua caratteristica è stata ottimamente replicata in game, regalando a noi utenti una carta con un archetipo a tutti gli effetti unico. Veloce, forte fisicamente, alto, imponente di testa e allo stesso tempo bravo difensivamente. In più, 5 stelle piede debole, il che significa gol con il destro e gol con il sinistro. Insomma, Ivan Perisic carta devastante. Da avere assolutamente.

ATT: Simone Zaza 82 – 1200 crediti – cacciatore
Saranno senza ombra di dubbio i 1200 crediti meglio spesi della vostra squadra. Non è semplice da padroneggiare, ma una volta presa confidenza, vi assicuriamo che si rivelerà devastante. Simone Zaza di FIFA 19 ricorda a tratti il Belotti di FIFA 18, quel concentrato di potenza fisica e qualità tecnica che mandava in visibilio, se messo in relazione al costo d’acquisto. Zaza quest’anno è davvero simile, e basta osservare le sue statistiche di “fisico” per capire di cosa stiamo parlando. Alla voce aggressività (90 di base!) troviamo la sintesi di quello che il giocatore del Torino rappresenta. Un vero e proprio toro, un giocatore che spesso quando perde palla riesce in qualche modo a riconquistarla addirittura senza che voi facciate il takle. Tra una spinta e una spallata, sarà sempre affamato di recuperare la palla, il primo a pressare e il primo a non mollare mai. Certo, il valore di finalizzazione potrebbe farvi storcere il naso. Ma vi assicuriamo che assolutamente irreale, pad alla mano con il piede destro da dentro l’area sarà quasi infallibile.

AD: Keita Baldé Diao 80 – 1000 – predatore
Anche Keita Baldé è una scelta low cost, non ci nascondiamo. Tuttavia, rispetto a Cuadrado, ha decisamente un altro piglio sotto porta. Se il giocatore colombiano si rivela ottimo per tutto quello che concerne il dribbling e le qualità tecniche, davanti alla porta è un vero e proprio disastro, qualsiasi stile intesa gli metteremo. Keita invece, se utilizzato predatore, otterrà un ottimo valore di finalizzazione, senza che risulti lento visto che il 92 di velocità ci verrà sempre in soccorso. Inoltre, altro aspetto da non sottovalutare, il giocatore dell’Inter possiede ben 76 di forza fisica, un valore ottimo se consideriamo il prezzo e l’overall complessivo. Le quattro stelle piede debole e quattro stelle skill completano l’offerta, ritagliando i contorni di una carta non eccezionale, ma di sostanza. Per concludere sì, è una scelta economica dettata dal budget, ma non sottovalutatelo. Potrebbe sorprendervi.

Quanto è interessante?
1
FUT 19: come creare una squadra di Serie A competitiva con 100.000 crediti