DS

Gameplay di Death Stranding: tutte le novità sul multiplayer del kolossal di Hideo Kojima

Gameplay di Death Stranding: tutte le novità sul multiplayer del kolossal di Hideo Kojima
di

A margine del video gameplay di Death Stranding dal TGS, Hideo Kojima ha concesso diverse interviste per illustrare nel dettaglio le dinamiche di gioco che sperimenteremo in multiplayer nell'universo sci-fi della sua prossima, attesissima avventura in arrivo su PlayStation 4 nella prima metà di novembre.

Grazie anche alla traduzione del commento di Kojima alle demo ingame del TGS 2019 effettuata dallo youtuber "Kubricked", proviamo così a riassumere in maniera schematica tutte le novità sul multiplayer di Death Stranding provenienti dalla fiera videoludica di Tokyo:

  • Pur essendo un gioco singleplayer, Death Stranding ci permetterà di tenere traccia dei progressi degli altri utenti attraverso un sistema di connessione che mostrerà le orme lasciate al loro passaggio e gli oggetti collocati sulla mappa.
  • Il multiplayer di DS farà leva sulla curiosità dei giocatori e sulla loro volontà di costruire strutture per modificare il paesaggio e facilitare i propri spostamenti tra un luogo e l'altro della mappa: attraverso un sistema di mailing ingame, ad esempio, potremo interagire con gli altri utenti e scoprire quali scelte hanno compiuto.
  • Nelle fasi di combattimento contro i boss, potremo richiamare i "fantasmi bianchi" degli altri giocatori per ricevere diversi aiuti indiretti: gli altri utenti non potranno arrecare danno ai nemici ma avranno comunque l'opportunità di lanciarci oggetti e consumabili.
  • Si potrà contribuire alla costruzione di strutture composite collaborando con gli altri giocatori: l'utente che si impegnerà di più nella realizzazione dell'opera, come un ponte, vedrà apparire il suo nome sulla struttura in questione. Lo scopo di DS, secondo Kojima, è infatti quello di "dare ai giocatori gli strumenti per ricostruire un mondo frammentato", da qui la possibilità di plasmare edifici e strutture insieme agli altri emuli di Sam attraverso questo sistema basato sul multiplayer asimmetrico. Anche per questo, per aiutare gli altri utenti potremo lasciare degli oggetti e dei materiali in loco.
  • Scegliendo di affrontare lo stesso tratto di percorso compiuto da diversi altri giocatori, vedremo trasformare ingame quel particolare tratto in una vera e propria strada che renderà più agevoli e veloci gli spostamenti. Le strade più avanzate permetteranno l'utilizzo di camionette.
  • Oltre ai "Mi Piace", gli utenti potranno lasciare messaggi di avvertimento attraverso un sistema di emoticon simile a quello adottato da From Software per la serie di Dark Souls.
  • Tutti gli oggetti abbandonati sulla mappa potranno essere recuperati dagli altri giocatori: tolti i materiali da costruzione, ogni oggetto, capo di vestiario (soprattutto le scarpe) ed elemento di equipaggiamento sarà soggetto a usura e si degraderà fino a distruggersi se lasciato in balia degli eventi naturali per troppo tempo.
  • I giocatori potranno utilizzare un sistema di ping multiplayer per segnalare agli altri utenti la posizione degli oggetti e degli edifici più importanti, come le moto e le stazioni di ricarica o di riposo. Sempre grazie al sistema di ping, si potranno segnalare i punti di sosta, le basi e le rotte battute dai razziatori e dai nemici in grado di rubare le scorte e gli oggetti presenti sulla mappa.

Nel lasciare a voi ogni commento o giudizio ulteriore all'originale impianto multiplayer di Death Stranding, vi ricordiamo che il nuovo kolossal sci-fi del papà di Metal Gear arriverà il prossimo 8 novembre in esclusiva su PS4.

Quanto è interessante?
9