Gears 5 è un'opportunità per fare qualcosa di nuovo, secondo il boss di The Coalition

Gears 5 è un'opportunità per fare qualcosa di nuovo, secondo il boss di The Coalition
di

Gears of War 4, lanciato sul finire del 2016, si rivelò un ottimo gioco, ma qualcuno non apprezzò il fatto che fosse molto conservativo. I ragazzi di The Coalition, che hanno raccolto l'eredità di Epic Games, svolsero un ottimo lavoro perfezionando le meccaniche di gioco, ma non proposero nulla di davvero rivoluzionario.

Il motivo? Lo ha spiegato il boss in persona, Rod Fergusson, in un'intervista concessa a Nerdbunker: "Eravamo un team alle prime armi e Gears of War si apprestava a tornare dopo diversi anni di assenza. Non volevamo rovinare la formula e volevamo dimostrare di essere in grado di creare un'autentica esperienza Gears of War".

L'obiettivo è stato senz'altro centrato ma, come lui stesso ha ammesso, Gears 5 rappresenta l'occasione giusta per fare qualcosa di nuovo: "Vogliamo davvero mostrare ciò che abbiamo intenzione di fare con il franchise e dove vogliamo portarlo, intervenendo su aspetti come meccaniche di base, storytelling e controlli oppure proponendo nuovi tipi di gameplay su mobile o degli strategici su PC".

A giudicare dalle parole di Fergusson, The Coalition non solo intende rivoluzionare dalle fondamenta la saga principale, ma anche raggiungere nuovi tipi di pubblico e altri generi. Sembra un approccio molto simile a quello seguito da 343 Industries con Halo, saga che negli anni ha esplorato il genere RTS con i due Halo Wars ed è approdata anche su mobile con Spartan Assault e Spartan Strike.

Cosa ne pensate al riguardo? Ricordiamo che Gears 5, presentato nel corso dell'E3 2018, è in sviluppo per Xbox One, Xbox One X e PC Windows 10. La data d'uscita è al momento ignota. Recentemente abbiamo conosciuto un nuovo personaggio, Fahz Chutani.

Quanto è interessante?
7