di

Di ritorno dalla dimensione virtuale di Watch Dogs Legion con l'analisi sul Ray Tracing, il collettivo di Digital Foundry si sofferma sulle migliorie grafiche e ludiche promesse dall'update di Gears 5 su Xbox Series X.

Nell'ultimo approfondimento dedicato alla versione nextgen del kolossal sparatutto di The Coalition, il team di DF discute quindi degli interventi compiuti dalla sussidiaria canadese degli Xbox Game Studios per aumentare la risoluzione, il framerate e la qualità del comparto grafico.

Un aspetto che ha particolarmente colpito i ragazzi di Digital Foundry è quello della riduzione della latenza dell'input di Gears 5 su Xbox Series X, dovuto sia agli sforzi dei progettisti di Microsoft che all'impegno degli stessi autori di The Coalition. Sulla nuova console ammiraglia della casa di Redmond, l'ultimo atto dell'iconica epopea di Gears of War vanterà infatti una latenza degli input ridotta del 36% nella Campagna e del 57% nelle sfide Versus.

La maggiore responsività nei controlli verrà ulteriormente accentuata nel multiplayer a 120fps di Gears 5. Non meno interessante è poi l'appunto di Digital Foundry sul VRS, la funzione che opererà in parallelo con la Xbox Velocity Architecture e che consentirà agli sviluppatori di risparmiare fino al 12% del tempo di rendering su ogni frame grazie al Machine Learning della console.

D'altro canto bisogna sottolineare che Gears 5, anche dopo l'update, mantiene un sistema di risoluzione dinamica: su Series X la risoluzione punta ai 4K ma molto spesso scende sotto quel valore, arrivando in rarissimi casi anche a 1080p. Su Series S invece l'intervallo si muove da 1440p a 720p, mentre c'è da considerare la riduzione fino a 1440p della risoluzione nelle scene di intermezzo su entrambe le macchine.

Entrando nello specifico dei punti toccati da DF, si sottolinea l'adozione su Series X dei setting Ultra della versione PC e, quindi, la presenza di luci volumetriche migliorate, di ombre in real time migliorare, dello screen space reflection, di texture a risoluzione maggiore (un aspetto che si nota soprattutto nella qualità delle armature dei personaggi) e di un Ambient Occlusion più performante in termini di sampling.

Nell'analisi di DF emergono inoltre i benefici dello Screen Space Global Illumination, la tecnica introdotta pochi mesi fa nella versione 4.3 dell'Unreal Engine e tramite la quale è possibile generare un'illuminazione globale che viene calcolata a metà della risoluzione a schermo: anche in questo caso, come per il VRS, l'obiettivo è quello di ottimizzare le risorse. I benefici apportati da questa tecnica si estendono anche alla caduta della luce nelle scene più scure, così come alla riduzione dell'eccesso di luminosità restituita dall'interazione delle fonti di luce con gli oggetti poligonali collocati sulla scena.

Prima di lasciarvi al video di cui sopra, vi ricordiamo che Gears 5 riceverà altri contenuti su Xbox Series X e S come la "reskin" di Marcus Fenix con il volto di Dave Bautista, la modalità New Game+ e, da dicembre, l'espansione Hivebusters.

Quanto è interessante?
10