Ghost Recon Breakpoint è una delusione: Ubisoft abbassa le previsioni d'incasso

Ghost Recon Breakpoint è una delusione: Ubisoft abbassa le previsioni d'incasso
di

Quella di oggi non è una giornata molto positiva per Ubisoft. Durante una riunione con gli azionisti, la casa francese ha annunciato d'aver rivisto al ribasso i suoi obiettivi finanziari per l'anno fiscale in corso.

Il principale colpevole, a quanto pare, è Ghost Recon Breakpoint: stando a quanto dichiarato, l'accoglienza delle critica e le vendite delle prime settimane si sono rivelate molto deludenti. Anche i risultati di Tom Clancy's The Division 2 sono stati al di sotto delle aspettative, sebbene non insoddisfacenti come quelli di Breakpoint.

"Durante gli ultimi anni, abbiamo pubblicato diversi titoli di alta qualità, costruito un portfolio di franchise molto variegato e operato la trasformazione digitale del nostro business. [...] In ogni caso, non abbiamo capitalizzato il potenziale dei nostri ultimi due titoli tripla-A. Per quanto riguarda Ghost Recon: Breakpoint, nonostante la qualità ci sembrasse sufficiente - basandoci sulle opinioni raccolte all'E3, alla Gamescom, nelle anteprime e durante i nostri test interni - l'accoglienza della critica e le vendite delle prime settimane sono state molto deludenti", ha dichiarato il co-fondatore e CEO Yves Guillemot.

Guillemot ha dichiarato che generare interesse per il seguito di un titolo che è stato supportato per anni non è affatto semplice. Ha inoltre ammesso che le novità di gameplay di Ghost Recon: Breakpoint non sono state ben implementate: alcuni giocatori le hanno accettate, altri invece no e hanno subito abbandonato i server.

Alla luce di ciò, Ubisoft ha deciso di concedere maggior tempo ai team al lavoro su Watch Dogs Legion, Rainbow Six Quarantine e Gods & Mosters, tre titoli inizialmente previsti nei primi tre mesi del 2020 e ora posticipati all'anno fiscale 2020/2021. Di conseguenza, la casa francse si è vista costretta a ridimensionare drasticamente le previsioni d'incasso per l'anno fiscale 2019/2020 attualmente in corso: il fatturato atteso è passato da 2,1 miliardi di euro a 1,4 miliardi di euro. Il reddito operativo annuo previsto, invece, passa da 480 milioni di euro a una cifra compresa tra 20 e 50 milioni di euro.

Quanto è interessante?
8