Ghostwire Tokyo, partenza deludente in Giappone: solo 10000 copie vendute

Ghostwire Tokyo, partenza deludente in Giappone: solo 10000 copie vendute
di

I dati di vendita Famitsu relativi al periodo compreso tra il 21 e il 27 marzo 2022 ci hanno dato due conferme: che Kirby e La Terra Perduta è partito fortissimo in Giappone, e che Ghostwire Tokyo ha avuto un lancio molto sottotono in patria.

La nuova opera di Tango Gameworks prodotta da Bethesda, disponibile su PC e in esclusiva console PlayStation 5, ha infatti raggiunto soltanto 10.144 copie, piazzandosi in sesta posizione nella classifica dei giochi più venduti della settimana. Il dato, va specificato, tiene conto solamente dei risultati su PS5 in edizione fisica, ma è comunque una partenza molto lenta per l'ultimo titolo realizzato dallo studio di Shinji Mikami.

I numeri fanno riflettere anche paragonandoli ai risultati nella prima settimana di commercializzazione raggiunti dalle precedenti opere del team giapponese, vale a dire i due capitoli di The Evil Within. Il primo episodio, datato 2014, piazzò più di 66.000 copie in versione PS3, con ulteriori 54.341 unità in edizione PS4 (senza contare qualche ulteriore migliaio piazzato su Xbox One e Xbox 360). Per quanto riguarda The Evil Within 2, uscito nel 2017, i numeri furono già molto più inferiori dato che su PS4 non si andò oltre le 42.941 copie.

Ovviamente si tratta di un confronto che deve necessariamente tenere conto di diversi fattori: i due The Evil Within erano progetti multipiattaforma (e cross-gen nel caso del capostipite) subito arrivati anche su Xbox, ed il mercato digitale non aveva certo toccato l'espansione raggiunta al giorno d'oggi. Nonostante ciò, i giocatori giapponesi non sembrano avere particolare interesse verso l'ultima fatica di Tango Gameworks, a meno di un cambio di tendenza nelle prossime settimane.

In ogni caso Ghostwire Tokyo su Steam è andato meglio dei The Evil Within, con un picco massimo di utenti superiore alle due produzioni horror precedenti.

Quanto è interessante?
4