God of War in prima persona! I retroscena di Jaffe sulle origini di Kratos

di

Il Director del primo God of War, David Jaffe, ha svelato sul suo canale YouTube che nei piani iniziali le avventure di Kratos avrebbero dovuto essere addirittura in prima persona. Scopriamo altre curiosità sul gioco.

Durante il suo ultimo streaming, l'ex esponente degli studi di Sony Santa Monica ha candidamente ammesso che il concept primigenio di God of War prevedeva un'inquadratura in soggettiva: a detta di Jaffe, la scelta degli sviluppatori californiani sarebbe ricaduta inizialmente sulla telecamera in prima persona per rendere ancora più immersiva l'esperienza di gioco.

Il team di Santa Monica riteneva inoltre che la visuale in soggettiva sarebbe stato un perfetto espediente per mitigare l'effetto di spaesamento provocato negli utenti dalle battaglie più cruente: con un'inquadratura diversa da quella in prima persona, gli autori al seguito di Jaffe temevano che il modello poligonale dell'eroe si sarebbe "perso nel marasma" causato dalla frenesia delle sfide più movimentate.

L'eventualità di approcciarsi al gameplay con una telecamera così ravvicinata è rimasta sul tavolo per circa tre mesi, sottolinea lo stesso David Jaffe ricordando però come i suoi collaboratori, dopo numerosi test condotti, ritennero più opportuno optare per una prospettiva in terza persona in modo tale da esaltare la spettacolarità delle sequenze di combattimento e le animazioni utilizzate dal Fantasma di Sparta per dilaniare i nemici. Su queste pagine trovate ulteriori aneddoti e retroscena sulle origini di God of War in prima persona.

Quanto è interessante?
2