God of War Ragnarok vs Elden Ring, quale narrazione? Parla Cory Barlog

God of War Ragnarok vs Elden Ring, quale narrazione? Parla Cory Barlog
di

Con l'annuncio ufficiale delle nomination ai The Game Awards 2022, si è delineato un confronto a tutto tondo nel quale God of War: Ragnarok ed Elden Ring si sono aggiudicati il maggior numero di candidature.

Tra le molteplici categorie all'interno delle quali le due opere si scontreranno, figura anche quella dedicata alla narrazione. Una circostanza interessante, vista soprattutto la grande varietà che caratterizza l'approccio al racconto adottato dai contendenti, che oltre a God of War: Ragnarok, Horizon: Forbidden West e A Plague Tale: Requiem includono anche Immortality e lo stesso Elden Ring. Una circostanza sulla quale si è di recente espresso Cory Barlog, che mentre lavora ad un nuovo e misterioso gioco ha trovato il tempo per offrire alcune considerazioni sul tema.

"Il concetto di narrazione/storia può avere molti significati all'interno di un videogioco. - scrive il game director di Santa Monica Studio - Il modo e i tempi di presentazione di un racconto variano in ogni avventura. E in virtù della natura stessa dei videogiochi, credo che vi sia una componente di storia all'interno di ciascuno di essi. Anche se dall'aspetto o dalla struttura non-convenzionale, tutte ci conducono attraverso viaggi unici e toccanti".

Un punto di vista che guarda con favore al progressivo ampliarsi dei modelli narrativi proposti dal medium nel corso degli ultimi anni, tra il racconto silenzioso della lore di Elden Ring, sino alle sorprendenti indagini di Immortality e i toni epici di God of War: Ragnarok.

Quanto è interessante?
7