di

Da grande appassionato di videogiochi e di tecnologia, lo youtuber Sebastian Ørsted ha provato a far girare la versione Google Stadia di Destiny 2 sul suo Onyx Boox Max 3, un esclusivo ebook in vendita ad un prezzo superiore agli 850 euro.

Seguendo l'esempio fornito da Google e dalla loro volontà di portare Stadia su tutti i dispositivi connessi a una rete a banda larga capace di soddisfarne i requisiti per il gaming 1080p o 4K, lo studente danese ha così testato le capacità del suo e-reader che, seppur di fascia alta, non è nato per eseguire compiti come quelli legati all'esecuzione di programmi in game streaming.

Come possiamo scoprire ammirando il video che campeggia a inizio articolo, l'esperimento condotto da Ørsted è stato un successo, considerando ovviamente il contesto e le limitazioni del display e-ink del dispositivo utilizzato per questa prova. Con dei semplici accorgimenti e delle modifiche al software di sistema del suo ebook basato su Android, lo youtuber ha potuto accedere ai server di Google Stadia e giocare a Destiny 2 nonostante lo scarso refresh rate dell'e-reader e un lag compreso tra i 500 e i 1000 millisecondi (ossia da mezzo secondo a un secondo).

A contribuire al buon esito dei test è stato anche il sistema X-Mode implementato dai progettisti del Boox Max 3 di Onyx per garantirne l'utilizzo anche nella visione di immagini animate, brevi filmati o, come in questo caso, scene ingame trasmesse da Stadia. Prima di lasciarvi al video di cui sopra, vi ricordiamo che in rete si stanno moltiplicando le segnalazioni di chi afferma che sono partiti i test di Google Stadia per i sistemi Android non Pixel.

Quanto è interessante?
10